Rete Voltaire

L’US Navy ha installato una delle sue prigioni segrete al largo di Haiti

+

Mentre il dispiegamento di più di 10000 soldati statunitensi, ad Haiti, è stata descritta da molti leader latino-americani come un’invasione e un’occupazione, con il pretesto degli aiuti umanitari, possiamo solo speculare sull’arrivo della USS Bataan.

Questa nave della US Navy è stata trasformata, negli ultimi anni, in prigione segreta galleggiante. Il suo scafo a fondo piatto, destinato ad ospitare le truppe da sbarco, sono state arredate con gabbie. Dove i detenuti sono soggetti alle stesse esperienze di Guantanamo Bay [1].

Dopo aver a lungo negato questa realtà, il Pentagono ha ammesso che la USS Bataan era stata effettivamente utilizzato come prigione, nel dicembre 2001, ma è stata restituita al suo uso normale dal gennaio 2002, ciò è contestato da molti specialisti, secondo cui essa ha mantenuto la sua missione di carcere offshore.

Sembra impossibile che i prigionieri siano stati trasferiti altrove dopo il terremoto di Haiti, e che la nave sia stata riattata al trasporto di truppe.

==

[1] Cfr.: « Il segreto di Guantanamo », Thierry Meyssan, Rete Voltaire, 28 ottobre 2009.

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Rete Voltaire

Voltaire, edizione internazionale

L’articolo è su licenza Creative Commons

Potete riprodurre liberamente gli articoli del Réseau Voltaire a condizione di citare la fonte, di non modificarli e di non usarli a scopi di lucro (licenza CC BY-NC-ND).

Sostenere Rete Voltaire

Visitate il sito dove troverete analisi approfondite che vi aiuteranno a comprendere la realtà. Per continuare questo lavoro, abbiamo bisogno della vostra participazione.
Aiutateci con un contributo.

Come partecipare alla Rete Voltaire?

Gli animatori del Réseau sono tutti volontari.
- Autori: diplomatici, economisti, geografi, storici, giornalisti, militari, filosofi, sociologi... potete inviarci i vostri articoli.
- Traduttori professionali: potete partecipare alla traduzione degli articoli.