Rete Voltaire

Secondo la BRI, il debito dei paesi sviluppati è insolvibile

+

In uno studio, rivolto ai governatori delle banche centrali, la Banca dei Regolamenti Internazionali (BRI) mostra che le nazioni sviluppate non potranno mai ripagare i loro debiti.

Dovrebbe raggiungere il 100% nel 2011, in paesi come gli Stati Uniti e la Francia, poi si accumuleranno brutalmente per raggiungere rapidamente un certo livello di insolvenza (oltre il 400% entro il 2040, se nessun parametro cambia).

Questa non è la prima volta che degli Stati contraggono dei debiti enormi, ma era in tempo di guerra e con una forte demografia. Nel periodo attuale, il debito è il risultato di un sistema in cui lo squilibrio è in crescita, soprattutto per l’invecchiamento della popolazione.

La BRI ha detto che quando i creditori chiederanno di essere pagati, faranno fallire gli stati. Solo i paesi che hanno allungato la durata della vita lavorativa possono sperare di attenuare lo shock inevitabile.

In effetti, la questione delle pensioni è solo uno dei tra i molti altri parametri, ed è indicata come variabile solo per mantenere lo squilibrio del sistema, che è opera principalmente del lavoro sotto-pagato in relazione capitale.

==

- Per capire il problema strutturale, leggi: "Au Sud comme au Nord, de la grande transformation des années 1980 à la crise actuelle, di Eric Toussaint, Réseau Voltaire, 9 Settembre 2009.
- Sull’insolvenza dei paesi sviluppati, leggasi lo studio completo della BRI (in inglese): "The future of public debt: prospects and implications, di Stephen Cecchetti G, S. Mohanty e Fabrizio Zampolli, Voltaire Network, 12 aprile 2010.

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Rete Voltaire

Voltaire, edizione internazionale

L’articolo è su licenza Creative Commons

Potete riprodurre liberamente gli articoli del Réseau Voltaire a condizione di citare la fonte, di non modificarli e di non usarli a scopi di lucro (licenza CC BY-NC-ND).

Sostenere Rete Voltaire

Visitate il sito dove troverete analisi approfondite che vi aiuteranno a comprendere la realtà. Per continuare questo lavoro, abbiamo bisogno della vostra participazione.
Aiutateci con un contributo.

Come partecipare alla Rete Voltaire?

Gli animatori del Réseau sono tutti volontari.
- Autori: diplomatici, economisti, geografi, storici, giornalisti, militari, filosofi, sociologi... potete inviarci i vostri articoli.
- Traduttori professionali: potete partecipare alla traduzione degli articoli.

La «soluzione» per Gaza
La «soluzione» per Gaza
di Manlio Dinucci
Estensione della guerra del gas al Levante
«Sotto i nostri occhi»
Estensione della guerra del gas al Levante
di Thierry Meyssan
Gaza : da che parte sta l'Italia
Gaza : da che parte sta l’Italia
di Manlio Dinucci, Rete Voltaire
 
Nato, offensiva globale
«L’arte della guerra»
Nato, offensiva globale
di Manlio Dinucci, Rete Voltaire
 
Ucraina, obiettivo centrato
«L’arte della guerra»
Ucraina, obiettivo centrato
di Manlio Dinucci, Rete Voltaire
 
Una jihad globale contro i BRICS?
Una jihad globale contro i BRICS?
di Alfredo Jalife-Rahme, Rete Voltaire
 
Gaza, il gas nel mirino
«L’arte della guerra»
Gaza, il gas nel mirino
di Manlio Dinucci, Rete Voltaire