Rete Voltaire

Il manuale degli Stati Uniti per la rivoluzione colorata in Egitto

+
JPEG - 20.5 Kb

Gli Stati Uniti attendevano da molto una rivoluzione in Egitto, anche se ha causato solo la fine del loro fantoccio Hosni Mubarak. Di conseguenza, erano pronti ad intervenire.

Dalla prima settimana di manifestazioni al Cairo, Washington ha inviato gruppi dell’Albert Einstein Institute. Un manuale, già utilizzato in altri paesi, è stato adattato e tradotto in arabo. E’ stato distribuito per intruppare i manifestanti. Rinviava ai servizi di Facebook e Twitter istituiti dal Dipartimento di Stato e la CIA.

Questo manuale fornisce indicazioni precise sul percorso delle manifestazioni. Contiene disegni e vedute aeree, mentre gli egiziani hanno una diversa percezione spaziale e raramente usano mappe. Le foto aeree sono accreditate per rispettare i diritti di copyright, cosa ignorata in Egitto. Il manuale consiglia l’abbigliamento per proteggersi dai gas lacrimogeni, riproducendo un’illustrazione occidentale, senza tener conto delle modalità di abbigliamento locale.

Un esempio, la figura sulla destra è stato ridisegnato per mostrare una donna velata. Il personaggio centrale è un poliziotto e non un soldato. Il cartello recita: "La polizia e il popolo contro l’ingiustizia. Viva l’Egitto". Questo allo scopo di trasmettere un messaggio di unità e fratellanza popolare con la polizia, ma la fraternizzazione al Cairo ha avuto luogo con l’esercito. Il riciclaggio del disegno illustra involontariamente la rapidità e l’impreparazione con cui il manuale è stato adattato all’Egitto.

Il manuale formula ciò che gli Stati Uniti volevano imporre come obiettivi al movimento: rovesciare Mubarak e un buon governo civile. Mira ad escludere qualsiasi slogan contro l’imperialismo e il sionismo e per la liberazione della Palestina.

Questa manipolazione, in ultima analisi, è completamente fallita.

===

Manuale della Albert Einstein Institution per una rivoluzione colorata in Egitto. 26 pp. 2,6 Mb.

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Rete Voltaire

Voltaire, edizione internazionale

L’articolo è su licenza Creative Commons

Potete riprodurre liberamente gli articoli del Réseau Voltaire a condizione di citare la fonte, di non modificarli e di non usarli a scopi di lucro (licenza CC BY-NC-ND).

Sostenere Rete Voltaire

Visitate il sito dove troverete analisi approfondite che vi aiuteranno a comprendere la realtà. Per continuare questo lavoro, abbiamo bisogno della vostra participazione.
Aiutateci con un contributo.

Come partecipare alla Rete Voltaire?

Gli animatori del Réseau sono tutti volontari.
- Autori: diplomatici, economisti, geografi, storici, giornalisti, militari, filosofi, sociologi... potete inviarci i vostri articoli.
- Traduttori professionali: potete partecipare alla traduzione degli articoli.

Obama ha mancato il suo colpo di stato in Venezuela
Gli Stati Uniti, la Germania, il Canada, Israele e il Regno Unito hanno lanciato l’«Operazione Gerico»
Obama ha mancato il suo colpo di stato in Venezuela
di Thierry Meyssan
Obama tenta di emarginare gli irriducibili anti-siriani
«Sotto i nostri occhi»
Obama tenta di emarginare gli irriducibili anti-siriani
di Thierry Meyssan
Mai esistito uno Stato in Libia?
«L’arte della guerra»
Mai esistito uno Stato in Libia?
di Manlio Dinucci, Rete Voltaire
 
Nessun mondo multipolare se i media sono unipolari
Nessun mondo multipolare se i media sono unipolari
di Roberto Quaglia, Rete Voltaire
 
Confermato, gli F-35 saranno 90
Confermato, gli F-35 saranno 90
di Manlio Dinucci, Rete Voltaire
 
Gli incendiari gridano al fuoco
«L’arte della guerra»
Gli incendiari gridano al fuoco
di Manlio Dinucci, Rete Voltaire
 
Neo-nazi addestrati dagli Usa
«L’arte della guerra»
Neo-nazi addestrati dagli Usa
di Manlio Dinucci, Rete Voltaire
 
Obama si riarma
«Sotto i nostri occhi»
Obama si riarma
di Thierry Meyssan, Rete Voltaire