Rete Voltaire

Patto al-Qaida-USA sulla Siria, 5000 jihadisti dovrebbero partecipare al rovesciamento di Assad

+

Cinquemila jihadisti di al-Qaida dovrebbero essere inviati in Siria nell’ambito di un accordo tra gli Stati Uniti e l’Arabia Saudita, con un capo del ramo yemenita di questo gruppo, classificato terroristico a Washington. Secondo le informazioni diffuse nella regione dalla pubblicazione digitale yemenita AdenAlghad.net e dall’agenzia di stampa iraniana al-Alam, rappresentanti del governo degli Stati Uniti e dell’Arabia Saudita hanno firmato un accordo con il jihadista Tariq al-Fadhli (nella foto in camicia nera e pistola nella cintura), compagno di Usama bin Ladin, per inviare in Siria 5000 jihadisti dalle citt‡ di Ja’ar e Zinjibar, nel sud dello Yemen. CiÚ spiegherebbe il "ritiro improvviso di uomini armati nella regione dello Yemen di Abyan", indicano i media citati, le cui informazioni sono state riprese dal canale Russia Today.

Il quotidiano statunitense New York Time, osserva che per il governo dello Yemen, al-Fadhli Ë "uno dei terroristi pi˘ pericolosi del paese." Secondo il quotidiano britannico The Guardian, gli uomini di al-Qaeda gi‡ dirigono i "Contras" in Siria, addestrandoli nella fabbricazione di esplosivi, una specialit‡ del gruppo terroristico.

I legami innominabili degli Stati Uniti e degli altri paesi membri dell’Alleanza Atlantica con la nebulosa nota come al-Qaida sono stati ripetutamente criticati, in particolare dallo storico e giornalista statunitense Webster G. Tarpley [1] e dall’ex agente MI5 David Shayler [2].

Diversi ricercatori ritengono inoltre che al-Qaida Ë una creatura degli ufficiali dell’intelligence statunitensi, britannici e sauditi [3] per giustificare nuove guerre di Washington e della NATO.

Vedi anche il video dell’intervento di David Shayler della conferenza Axis for Peace nel 2005.

Traduzione di Alessandro Lattanzio (Aurora)

Rete Voltaire

Voltaire, edizione internazionale

L’articolo è su licenza Creative Commons

Potete riprodurre liberamente gli articoli del Réseau Voltaire a condizione di citare la fonte, di non modificarli e di non usarli a scopi di lucro (licenza CC BY-NC-ND).

Sostenere Rete Voltaire

Visitate il sito dove troverete analisi approfondite che vi aiuteranno a comprendere la realtà. Per continuare questo lavoro, abbiamo bisogno della vostra participazione.
Aiutateci con un contributo.

Come partecipare alla Rete Voltaire?

Gli animatori del Réseau sono tutti volontari.
- Autori: diplomatici, economisti, geografi, storici, giornalisti, militari, filosofi, sociologi... potete inviarci i vostri articoli.
- Traduttori professionali: potete partecipare alla traduzione degli articoli.

Estensione della guerra del gas al Levante
«Sotto i nostri occhi»
Estensione della guerra del gas al Levante
di Thierry Meyssan
Una jihad globale contro i BRICS?
Una jihad globale contro i BRICS?
di Alfredo Jalife-Rahme
Ucraina, obiettivo centrato
«L’arte della guerra»
Ucraina, obiettivo centrato
di Manlio Dinucci, Rete Voltaire
 
Gaza, il gas nel mirino
«L’arte della guerra»
Gaza, il gas nel mirino
di Manlio Dinucci, Rete Voltaire
 
Il "Kurdistan", versione israeliana
Il "Kurdistan", versione israeliana
di Thierry Meyssan, Rete Voltaire
 
Come l'Italia contribuisce ai raid israeliani
Come l’Italia contribuisce ai raid israeliani
di Manlio Dinucci, Rete Voltaire
 
Tricolore nel Mar Nero
«L’arte della guerra»
Tricolore nel Mar Nero
di Manlio Dinucci, Rete Voltaire