Rete Voltaire

Qatar: il poeta Muhammad al-Ajami condannato al carcere a vita

+

Dopo un processo segreto, per cinque volte rinviato, il poeta qatariota Muhammad Ibn al-Dheeb al-Ajami è stato condannato all’ergastolo per "aver insultato il regime, diffamato il principe ereditario Tamim e attaccato la Costituzione (sic)”.

L’accusa è segreta. Sembra che il regime gli addebiti la poesia del gelsomino, che include il verso "Siamo tutti tunisini davanti alle élite oppressive".

Il poeta è già stato assegnato a cinque mesi di isolamento assoluto. Numerosi intellettuali e poeti arabi si sono mobilitati per la sua liberazione.

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Rete Voltaire

Voltaire, edizione internazionale

L’articolo è su licenza Creative Commons

Potete riprodurre liberamente gli articoli del Réseau Voltaire a condizione di citare la fonte, di non modificarli e di non usarli a scopi di lucro (licenza CC BY-NC-ND).

Sostenere Rete Voltaire

Visitate il sito dove troverete analisi approfondite che vi aiuteranno a comprendere la realtà. Per continuare questo lavoro, abbiamo bisogno della vostra participazione.
Aiutateci con un contributo.

Come partecipare alla Rete Voltaire?

Gli animatori del Réseau sono tutti volontari.
- Autori: diplomatici, economisti, geografi, storici, giornalisti, militari, filosofi, sociologi... potete inviarci i vostri articoli.
- Traduttori professionali: potete partecipare alla traduzione degli articoli.