Rete Voltaire

Un deputato libanese dirige il traffico di armi in Siria

| Beirut
+

Il quotidiano libanese al-Akhbar e il canale televisivo OTV hanno diffuso le registrazioni che dimostrano il coinvolgimento del parlamentare Okab Sakr in un vasto traffico di armi verso la Siria. Il parlamentare è stato costretto ad ammettere ciò che aveva ripetutamente negato finora. In una dichiarazione alla stampa, ha affermato di essere " orgoglioso di ciò che ha fatto ."

Okab Sakr è uno dei tre membri sciiti dell’Alleanza 14 Marzo, la coalizione filo-saudita e filo-occidentale formata intorno a Saad Hariri. Giornalista, è stato vice direttore di al-Balad ed ha fondato il sito web dell’opposizione libanese, NowLebanon.com.

Regolarmente messo in causa dalla stampa siriana, è stato anche accusato di organizzare l’invio delle armi offerte dalla NATO e dal Consiglio di cooperazione del Golfo ai Contras. In una dichiarazione rilasciata il 18 ottobre dall’Ufficio Stampa di Saad Hariri, il gabinetto dell’ex Primo Ministro ha detto invece che il ruolo di Sakr era puramente politico: "Okab Sakr è stato incaricato da Saad Hariri di seguire la situazione in Siria e di coordinarsi con le forze di opposizione siriane, per organizzare il sostegno del movimento Futuro al popolo siriano che affronta i crimini del regime."

Ora sembra che il membro sia in realtà la principale fonte del traffico d’armi che viola la politica di neutralità del Libano e il diritto internazionale. Il Partito del Movimento del Futuro (Hariri) l’ha immediatamente sostenuto, garantendo nel contempo che il membro aveva agito "a titolo personale". Tuttavia, un membro del suo gruppo parlamentare, Khaled Daher, ha lodato questa “iniziativa”, definendola “supporto alla nobile rivoluzione umanitaria contro il regime di assassini.”

Rifiutandosi subito di revocare l’immunità parlamentare ad Okab Sakr, il suo partito ha chiesto di giudicare prima Hezbollah per il suo presunto supporto a "Bashar".

Di seguito la traduzione delle registrazioni

Trascrizione di una registrazione:

— Una voce sconosciuta: ciao.
— Okab Sakr: ciao.
— Ignoto: sì, mio fratello.
— Okab Sakr sì.
— Ignoto: qual è la richiesta? Cosa manca?
— Okab Sakr: mitragliatrici, proiettili BKC. Vogliamo pallottole, razzi, RPG, armi di qualità per Aleppo, la periferia di Aleppo e la regione di Idlib.
— Ignoto: Quale zona in particolare?
— Okab Sakr: Aleppo, le aree suburbane di Azaz e regioni assediate. A Idlib ci sono zone colpite in questo momento da un attacco feroce. Dobbiamo assicurarci questo comando.
— Ignoto: Di quali armi di qualità avete bisogno esattamente?
— Okab Sakr: Non lo so, non ci sono armi specifiche. Gli ordini riguardano generalmente armi anti-aeree e anti-carro, assieme ad armi ordinarie leggere o medie.
— Ignoto: Va bene, va bene.

(Fonte: New Orient News)

Trascrizione della terza registrazione

— Abu Rashad (responsabile dei rifornimenti per Hama e la sua periferia): Salam aleikom ... Dove sei?
— Louay (portavoce del Consiglio supremo dell’ELS): Sì mio fratello, siamo in una stanza con il signor Okab Sakr e tutti gli uomini sono presenti. Rassicuratemi della situazione da voi.
— Abu Rashad: è un bene che Okab sia con te, perché siamo in una brutta situazione... la situazione è molto, molto grave, più di quanto si possa immaginare. Gli scontri sono violenti e i bombardamenti intensi.

— Louay: Okay, abbiamo tutti sentito qui in sala, e il signor Okab ha sentito.
— Okab Sakr: la situazione è peggiorata negli ultimi due giorni?
— Abu Rashad sì. In realtà il bombardamento è pesante e la situazione è estremamente grave, abbiamo bisogno di aiuto.
— Okab Sakr: Ok, dove siete? Ad Hama? Ad Idlib?
— Abu Rashad: Hama e Idlib.
— Okab Sakr: Vuoi aumentare le quantità di richieste? La quantità non basta?
— Abu Rashad: Sì, moltiplicate le quantità.
— Louay (rivolto a Sakr) che ne pensi? Moltiplichiamo le quantità?
— Okab Sakr: Aumentiamo le quantità.
— Okab Sakr (rivolto ad Abu Rashad): Abu Rashad, ho ricevuto molte segnalazioni da diversi uomini all’interno. Hanno confermato quello che hai appena detto su queste due regioni. La situazione è destinata a peggiorare. Ora dico agli uomini di aumentare il più possibile le quantità perché so della vostra situazione. Siete molto deboli.

(Fonte: New Orient News)

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Rete Voltaire

Voltaire, edizione internazionale

L’articolo è su licenza Creative Commons

Potete riprodurre liberamente gli articoli del Réseau Voltaire a condizione di citare la fonte, di non modificarli e di non usarli a scopi di lucro (licenza CC BY-NC-ND).

Sostenere Rete Voltaire

Visitate il sito dove troverete analisi approfondite che vi aiuteranno a comprendere la realtà. Per continuare questo lavoro, abbiamo bisogno della vostra participazione.
Aiutateci con un contributo.

Come partecipare alla Rete Voltaire?

Gli animatori del Réseau sono tutti volontari.
- Autori: diplomatici, economisti, geografi, storici, giornalisti, militari, filosofi, sociologi... potete inviarci i vostri articoli.
- Traduttori professionali: potete partecipare alla traduzione degli articoli.

La «soluzione» per Gaza
La «soluzione» per Gaza
di Manlio Dinucci
Estensione della guerra del gas al Levante
«Sotto i nostri occhi»
Estensione della guerra del gas al Levante
di Thierry Meyssan
Gaza : da che parte sta l'Italia
Gaza : da che parte sta l’Italia
di Manlio Dinucci, Rete Voltaire
 
Nato, offensiva globale
«L’arte della guerra»
Nato, offensiva globale
di Manlio Dinucci, Rete Voltaire
 
Ucraina, obiettivo centrato
«L’arte della guerra»
Ucraina, obiettivo centrato
di Manlio Dinucci, Rete Voltaire
 
Una jihad globale contro i BRICS?
Una jihad globale contro i BRICS?
di Alfredo Jalife-Rahme, Rete Voltaire
 
Gaza, il gas nel mirino
«L’arte della guerra»
Gaza, il gas nel mirino
di Manlio Dinucci, Rete Voltaire