Rete Voltaire

Nuovo piano di invasione della Siria

+

Francia, Regno Unito, Israele e Qatar hanno preparato un altro piano di intervento in Siria. 6000 nuovi jihadisti, tra cui 4000 dal Libano, dovrebbero attaccare a breve la zona residenziale di Mazzeh, a sud di Damasco, sede di numerose ambasciate e di diversi alti funzionari militari e civili. Un incidente con armi chimiche dovrebbe aumentare le tensioni in tutto il paese. Un generale traditore dovrebbe poi dichiarare di aver preso il potere, richiedendo l’aiuto occidentale, fornendo così un pretesto per un intervento militare al di fuori del mandato delle Nazioni Unite.

Diversi tentativi di colpo di stato militare sono stati orchestrati dall’occidente, nel corso di quest’anno. Sono tutti falliti e non c’è nulla che suggerisca che questa volta vada diversamente.

Il tempo stringe per gli Stati che si oppongono al piano di pace di Ginevra, raggiunto tra gli Stati Uniti e la Russia, che dovrebbe essere presentato al Consiglio di Sicurezza a febbraio, cioè appena dopo la conferma da parte del Senato degli Stati Uniti della nuova amministrazione Obama. Nel corso dei prossimi due mesi, tutte le possibili mosse saranno tentate.

Non è chiaro quale sarebbe la reazione di Russia e Iran a una tale operazione. Vladimir Putin ha detto di essere pronto a difendere la Siria "fino alle strade di Mosca," vale a dire, di essere pronto ad andare in guerra. Da parte sua, l’Iran ha sempre affermato che la Siria è la sua linea di difesa e, quindi, non la mollerebbe. Tutte queste affermazioni possono essere un bluff, ma innescando un intervento militare, Parigi, Londra, Tel Aviv e Doha correranno il rischio di provocare una conflagrazione generale.

Rete Voltaire

Voltaire, edizione internazionale

L’articolo è su licenza Creative Commons

Potete riprodurre liberamente gli articoli del Réseau Voltaire a condizione di citare la fonte, di non modificarli e di non usarli a scopi di lucro (licenza CC BY-NC-ND).

Sostenere Rete Voltaire

Visitate il sito dove troverete analisi approfondite che vi aiuteranno a comprendere la realtà. Per continuare questo lavoro, abbiamo bisogno della vostra participazione.
Aiutateci con un contributo.

Come partecipare alla Rete Voltaire?

Gli animatori del Réseau sono tutti volontari.
- Autori: diplomatici, economisti, geografi, storici, giornalisti, militari, filosofi, sociologi... potete inviarci i vostri articoli.
- Traduttori professionali: potete partecipare alla traduzione degli articoli.

La «soluzione» per Gaza
La «soluzione» per Gaza
di Manlio Dinucci
Estensione della guerra del gas al Levante
«Sotto i nostri occhi»
Estensione della guerra del gas al Levante
di Thierry Meyssan
Nato, offensiva globale
«L’arte della guerra»
Nato, offensiva globale
di Manlio Dinucci, Rete Voltaire
 
Ucraina, obiettivo centrato
«L’arte della guerra»
Ucraina, obiettivo centrato
di Manlio Dinucci, Rete Voltaire
 
Una jihad globale contro i BRICS?
Una jihad globale contro i BRICS?
di Alfredo Jalife-Rahme, Rete Voltaire
 
Gaza, il gas nel mirino
«L’arte della guerra»
Gaza, il gas nel mirino
di Manlio Dinucci, Rete Voltaire