Rete Voltaire

Agenti del Mossad tre le unità di al-Qaida che hanno attaccato il campo di Yarmouk

+

La battaglia infuriata il 9 dicembre nel campo profughi palestinese di Yarmouk (a sud di Damasco) ha rivelato nuove alleanze.

L’obiettivo strategico era coinvolgere i palestinesi nella guerra in Siria, mobilitandoli su base confessionale (per lo più sunniti) contro il regime laico. Ma non diversamente del Libano nel 2007, quando i mercenari di Fatah al-Islam habbo cercato di mobilitare i palestinesi di Nahr al-Bared contro Hezbollah, i rifugiati non si sono lasciati manipolare.

Elementi di Hamas, favorevoli a Khaled Meshaal, hanno lasciato entrare i combattenti del Fronte al-Nusra (ramo levantino di al-Qaida) nel campo, in cui si sono scontrati soprattutto con gli uomini del FPLP (nazionalisti e marxisti).

Ora sembra che tra i combattenti di al-Qaida non ci fossero solo degli estremisti islamici, ma comprendessero anche agenti del Mossad israeliano. Avevano piani specifici per "sistemare" i leader delle altre fazioni palestinesi ed eliminarli. Non trovandoli, hanno lasciato che gli altri membri di al-Qaida saccheggiassero sistematicamente gli appartamenti vuoti di questi leader.

Dopo una settimana di pesanti combattimenti, gli elementi di al-Qaida-Mossad si sono ritirati in buon ordine e il campo è stato dichiarato "zona neutra". Dei 180000 abitanti, circa 120.000 sono fuggiti dal campo su richiesta delle autorità siriane, e sono stati trasferiti a Damasco. La maggior parte è tornata a casa.

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Rete Voltaire

Voltaire, edizione internazionale

L’articolo è su licenza Creative Commons

Potete riprodurre liberamente gli articoli del Réseau Voltaire a condizione di citare la fonte, di non modificarli e di non usarli a scopi di lucro (licenza CC BY-NC-ND).

Sostenere Rete Voltaire

Visitate il sito dove troverete analisi approfondite che vi aiuteranno a comprendere la realtà. Per continuare questo lavoro, abbiamo bisogno della vostra participazione.
Aiutateci con un contributo.

Come partecipare alla Rete Voltaire?

Gli animatori del Réseau sono tutti volontari.
- Autori: diplomatici, economisti, geografi, storici, giornalisti, militari, filosofi, sociologi... potete inviarci i vostri articoli.
- Traduttori professionali: potete partecipare alla traduzione degli articoli.

Ebola, il Pentagono si sistema in Africa
Ebola, il Pentagono si sistema in Africa
di Manlio Dinucci, Rete Voltaire
 
11 settembre, otto misteriose scatole nere
11 settembre, otto misteriose scatole nere
di Giulietto Chiesa, Rete Voltaire
 
L'Italia in «missione prolungata» di guerra sotto comando Usa
«L’arte della guerra»
L’Italia in «missione prolungata» di guerra sotto comando Usa
di Manlio Dinucci, Rete Voltaire
 
L'Italia in guerra: aumenta la spesa militare
Summit Nato
L’Italia in guerra: aumenta la spesa militare
di Manlio Dinucci, Rete Voltaire
 
Bugiardi nel panico
Bugiardi nel panico
di Giulietto Chiesa, Rete Voltaire
 
Summit Nato, guerra su due fronti
“L’arte della guerra”
Summit Nato, guerra su due fronti
di Manlio Dinucci, Rete Voltaire
 
Gli «Stati falliti»
«L’arte della guerra»
Gli «Stati falliti»
di Manlio Dinucci, Rete Voltaire