Rete Voltaire

Laurent Fabius si rifiuta di pronunciare il cognome del presidente siriano

+

Il 17 agosto 2012, il ministro degli Esteri francese ha dichiarato: "Dopo aver ascoltato la testimonianza straziante della gente di qui (...) quando lo si sente e sono consapevole della forza di quello che sto per dire: Bashar al-Assad non merita di essere sulla terra."

Queste parole, in contrasto con i più elementari principi diplomatici, sono stati interpretati come un invito a uccidere da un Oaese che ha abolito la pena di morte.

Le consegne nella comunicazione di Fabius sono ora di non pronunciare più il cognome del presidente della Repubblica Araba di Siria Bashar al-Assad. In tutte le loro dichiarazioni pubbliche, il ministro e il suo portavoce lo chiamano ormai colloquialmente "Bashar".

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Rete Voltaire

Voltaire, edizione internazionale

L’articolo è su licenza Creative Commons

Potete riprodurre liberamente gli articoli del Réseau Voltaire a condizione di citare la fonte, di non modificarli e di non usarli a scopi di lucro (licenza CC BY-NC-ND).

Sostenere Rete Voltaire

Visitate il sito dove troverete analisi approfondite che vi aiuteranno a comprendere la realtà. Per continuare questo lavoro, abbiamo bisogno della vostra participazione.
Aiutateci con un contributo.

Come partecipare alla Rete Voltaire?

Gli animatori del Réseau sono tutti volontari.
- Autori: diplomatici, economisti, geografi, storici, giornalisti, militari, filosofi, sociologi... potete inviarci i vostri articoli.
- Traduttori professionali: potete partecipare alla traduzione degli articoli.