Rete Voltaire
«L’arte della guerra»

Ci sarà anche la Nato economica

| Roma (Italia)
+
JPEG - 22.2 Kb
Barack Obama reçoit à la Maison-Blanche son homologue italien, Giorgio Napolitano, le 15 février 2013.
© Présidence de la République italienne

«Amore per il popolo italiano»: lo ha dichiarato il presidente Obama ricevendo alla Casa bianca il presidente Napolitano «l’indomani di San Valentino». Perché tanto amore? Il popolo italiano «accoglie e ospita le nostre truppe sul proprio suolo».

Accoglienza molto apprezzata dal Pentagono, che possiede in Italia (secondo i dati ufficiali 2012) 1485 edifici, con una superficie di 942mila m2, cui se ne aggiungono 996 in affitto o concessione. Sono distribuiti in 37 siti principali (basi e altre strutture militari) e 22 minori. Nel giro di un anno, i militari Usa di stanza in Italia sono aumentati di oltre 1500, superando i 10mila. Compresi i dipendenti civili, il personale del Pentagono in Italia ammonta a circa 14mila unità.

Alle strutture militari Usa si aggiungono quelle Nato, sempre sotto comando Usa: come il Comando interforze, col suo nuovo quartier generale di Lago Patria (Napoli). «Ospitando» alcune delle più importanti strutture militari Usa/Nato, l’Italia svolge un ruolo cardine nella strategia statunitense che, dopo la guerra alla Libia, non solo mira alla Siria e all’Iran ma va oltre, spostando il suo centro focale verso la regione Asia/Pacifico per fronteggiare la Cina in ascesa.

Per coinvolgere gli alleati europei in tale strategia, Washington deve rafforzare l’alleanza atlantica, anche economicamente. Da qui il progetto di un «accordo di libero scambio Usa-Unione europea», riproposto da Obama nell’incontro con Napolitano. Accordo che riscuote l’incondizionato appoggio del presidente italiano ancor prima che sia scritto e ne siano valutate le conseguenze per l’economia italiana (soprattutto per le pmi e le aziende agricole). Si tratta, sottolinea Napolitano, di «un nuovo stadio storico nei rapporti tra Europa e Stati Uniti, non solo economicamente ma anche da un punto di vista politico».

Si prospetta dunque una «Nato economica», funzionale al sistema politico-economico occidentale dominato dagli Stati uniti. Sostenuta dai grandi gruppi multinazionali, come la potente banca statunitense Goldman Sachs. Il nome è una garanzia: dopo aver partecipato alla truffa internazionale dei mutui subprime e aver così contribuito a provocare la crisi finanziaria che dagli Stati uniti ha investito l’Europa, la Goldman Sachs ha speculato sulla crisi europea, istruendo i suoi principali clienti su come fare soldi con la crisi e, subito dopo, piazzando al governo in Italia (grazie a Napolitano) il suo consulente internazionale Mario Monti. Il cui governo è stato subito garantito dal segretario del Pd Bersani come «autorevole e a forte caratura tecnica». Lo stesso Bersani, intervistato da America 24, dichiara ora che, «nella tradizione di governo del centrosinistra di assoluta fedeltà e amicizia con gli Stati uniti, siamo assolutamente favorevoli a che fra Europa e Stati uniti si creino meccanismi di libero scambio».

Comunque vadano le elezioni, l’adesione dell’Italia alla Nato economica è assicurata.

Fonte
Il Manifesto (Italia)

Manlio Dinucci

Manlio Dinucci Geografo. Ultimi lavori pubblicati: Laboratorio di geografia, Zanichelli 2014 ; Geocommunity Ed. Zanichelli 2013 ; Escalation. Anatomia della guerra infinita, Ed. DeriveApprodi 2005.

 
Mai esistito uno Stato in Libia?
Mai esistito uno Stato in Libia?
«L’arte della guerra»
 
Gli incendiari gridano al fuoco
Gli incendiari gridano al fuoco
«L’arte della guerra»
 
Neo-nazi addestrati dagli Usa
Neo-nazi addestrati dagli Usa
«L’arte della guerra»
 
Rete Voltaire

Voltaire, edizione internazionale

L’articolo è su licenza Creative Commons

Potete riprodurre liberamente gli articoli del Réseau Voltaire a condizione di citare la fonte, di non modificarli e di non usarli a scopi di lucro (licenza CC BY-NC-ND).

Sostenere Rete Voltaire

Visitate il sito dove troverete analisi approfondite che vi aiuteranno a comprendere la realtà. Per continuare questo lavoro, abbiamo bisogno della vostra participazione.
Aiutateci con un contributo.

Come partecipare alla Rete Voltaire?

Gli animatori del Réseau sono tutti volontari.
- Autori: diplomatici, economisti, geografi, storici, giornalisti, militari, filosofi, sociologi... potete inviarci i vostri articoli.
- Traduttori professionali: potete partecipare alla traduzione degli articoli.

Obama ha mancato il suo colpo di stato in Venezuela
Gli Stati Uniti, la Germania, il Canada, Israele e il Regno Unito hanno lanciato l’«Operazione Gerico»
Obama ha mancato il suo colpo di stato in Venezuela
di Thierry Meyssan
Obama tenta di emarginare gli irriducibili anti-siriani
«Sotto i nostri occhi»
Obama tenta di emarginare gli irriducibili anti-siriani
di Thierry Meyssan
Mai esistito uno Stato in Libia?
«L’arte della guerra»
Mai esistito uno Stato in Libia?
di Manlio Dinucci, Rete Voltaire
 
Nessun mondo multipolare se i media sono unipolari
Nessun mondo multipolare se i media sono unipolari
di Roberto Quaglia, Rete Voltaire
 
Confermato, gli F-35 saranno 90
Confermato, gli F-35 saranno 90
di Manlio Dinucci, Rete Voltaire
 
Gli incendiari gridano al fuoco
«L’arte della guerra»
Gli incendiari gridano al fuoco
di Manlio Dinucci, Rete Voltaire
 
Neo-nazi addestrati dagli Usa
«L’arte della guerra»
Neo-nazi addestrati dagli Usa
di Manlio Dinucci, Rete Voltaire
 
Obama si riarma
«Sotto i nostri occhi»
Obama si riarma
di Thierry Meyssan, Rete Voltaire