Rete Voltaire

Washington giustifica l’attentato che ha ucciso più di 80 civili a Damasco

+

Una bomba ha ucciso più di 80 persone, e ferito centinaia, il 21 febbraio 2013 a Damasco. Un attentatore suicida si è fatto saltare in aria, poi un’autobomba è esplosa nei pressi di un edificio del partito Baath.

Le vittime erano passanti, tra cui i passeggeri di un minibus. Un scuola e l’ambasciata russa, che si trovavano nelle vicinanze, sono state danneggiate. Una seconda autobomba è stata disinnescata dalla polizia prima che potesse uccidere i soccorritori.

L’attentato non è stato ancora rivendicato. La Coalizione nazionale siriana (opposizione filo-occidentale) ha accusato il governo, che per la sua intransigenza, avrebbe spinto elementi dell’opposizione a compierlo.

Iran, Russia e Cina hanno immediatamente condannato l’attentato. Tuttavia, gli Stati Uniti hanno impedito che il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite lo condannasse.

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Rete Voltaire

Voltaire, edizione internazionale

L’articolo è su licenza Creative Commons

Potete riprodurre liberamente gli articoli del Réseau Voltaire a condizione di citare la fonte, di non modificarli e di non usarli a scopi di lucro (licenza CC BY-NC-ND).

Sostenere Rete Voltaire

Visitate il sito dove troverete analisi approfondite che vi aiuteranno a comprendere la realtà. Per continuare questo lavoro, abbiamo bisogno della vostra participazione.
Aiutateci con un contributo.

Come partecipare alla Rete Voltaire?

Gli animatori del Réseau sono tutti volontari.
- Autori: diplomatici, economisti, geografi, storici, giornalisti, militari, filosofi, sociologi... potete inviarci i vostri articoli.
- Traduttori professionali: potete partecipare alla traduzione degli articoli.