Rete Voltaire
« L’arte della guerra »

L’Europa vola sul nEUROn

| Roma (Italia)
+

Mentre l’euro continua a perdere quota rischiando di precipitare, decolla il nEUROn. Non è un euro di nuovo corso. È un velivolo non pilotato da combattimento di nuovo tipo. Gli attuali droni, come il Predatore statunitense, vengono pilotati a distanza da operatori seduti a una consolle, in una base negli Usa a oltre 10mila km di distanza: attraverso videocamere e sensori all’infrarosso, individuano l’obiettivo (una casa, un gruppo di persone, un’auto in movimento), colpendolo con missili «Fuoco dell’inferno».

Questi e altri droni vengono sempre più impiegati nelle «guerre coperte» in Afghanistan, Pakistan, Iraq, Yemen, Somalia, Libia e altrove.

Per sostenere l’operazione militare francese in Mali, viene ora installata in Niger una base di droni Usa, che si aggiunge a quelle già operative in Etiopia e in altri paesi africani. La U.S. Air Force sta addestrando più «piloti remoti» per i droni che piloti di cacciabombardieri. Non mancano però i problemi: i piloti alla consolle non rischiano la vita, ma sono soggetti a forte stress che, secondo uno studio del Pentagono, provoca in molti casi ansia e depressione. La guerra evidentemente deprime, anche quando si uccide premendo un pulsante a 10mila km di distanza.

Tali problemi saranno però tra non molto superati: si stanno sperimentando velivoli completamente robotizzati, come l’X-37B della U.S. Air Force, che possono fare a meno anche dei piloti alla consolle. Tra questi velivoli non pilotati da combattimento si distingue il nEUROn, nato da un programma europeo guidato dalla francese Dassault, al quale partecipa l’Alenia Aermacchi come primo partner industriale, con una quota del 22% anche dei costi (quantificati nella fase iniziale in 400 milioni di euro). Partecipa al programma, con Alenia Aermacchi come capofila nazionale, un gruppo di società italiane tra cui la Selex Galileo (Finmeccanica). Il prototipo del nEUROn (al cui sviluppo partecipano anche Svezia, Spagna, Grecia e Svizzera) ha già effettuato il primo volo. Ora, per circa due anni, sarà sottoposto a un intenso programma di test, anche a Decimomannu, per verificare la sua capacità stealth (invisibilità ai radar) e quella di lancio di missili e bombe a guida laser dal vano di carico interno, con un sistema «intelligente» progettato dall’Alenia che «effettuerà automaticamente il riconoscimento del bersaglio». Una volta immessi i dati della missione, sarà l’intelligenza artificiale del nEUROn a guidare il velivolo sull’obiettivo e, dopo che esso è stato colpito, a riportarlo alla base. In completo silenzio radio, per evitare l’intercettazione, e con la possibilità di controllare una intera squadra d’attacco di nEUROn in modo automatico dai caccia di ultima generazione.

In tal modo, nel 21° secolo, la guerra imperialista diventa automatizzata e invisibile. Così che i parlamentari, che con voto bipartisan sostengono tale politica, possano presentarsi ancora con il volto della democrazia.

Fonte
Il Manifesto (Italia)

Manlio Dinucci

Geografo. Ultimi lavori pubblicati: Geocommunity Ed. Zanichelli 2013 ; Geografia del ventunesimo secolo, Zanichelli 2010 ; Escalation. Anatomia della guerra infinita, Ed. DeriveApprodi 2005.

 
Gli «Stati falliti»
Gli «Stati falliti»
«L’arte della guerra»
 
I «salvatori» dell
I «salvatori» dell’Iraq
«L’arte della guerra»
 
Nato, offensiva globale
Nato, offensiva globale
«L’arte della guerra»
 
Rete Voltaire

Voltaire, edizione internazionale

L’articolo è su licenza Creative Commons

Potete riprodurre liberamente gli articoli del Réseau Voltaire a condizione di citare la fonte, di non modificarli e di non usarli a scopi di lucro (licenza CC BY-NC-ND).

Sostenere Rete Voltaire

Visitate il sito dove troverete analisi approfondite che vi aiuteranno a comprendere la realtà. Per continuare questo lavoro, abbiamo bisogno della vostra participazione.
Aiutateci con un contributo.

Come partecipare alla Rete Voltaire?

Gli animatori del Réseau sono tutti volontari.
- Autori: diplomatici, economisti, geografi, storici, giornalisti, militari, filosofi, sociologi... potete inviarci i vostri articoli.
- Traduttori professionali: potete partecipare alla traduzione degli articoli.