Rete Voltaire

Il Benin espelle l’ambasciatore della Francia

+

Il Benin ha dichiarato persona non grata l’ambasciatore della Francia a Cotonou, Jean Paul Monchau e ne ha ritirato l’accreditamento, afferma il sito Koaci.com.

Il Benin accusa la Francia di averlo descritto sul sito web del ministero degli Esteri, come un Paese a "rischio terrorismo", senza informarlo e senza suffragarne l’accusa.

Il presidente del Benin, Boni Yayi, è stato ricevuto a Parigi il 6 febbraio dal suo omologo francese Francois Hollande. Il suo Paese ha sostenuto l’intervento francese in Mali e ha inviato truppe nell’ambito dell’ECOWAS. Ora sembra mettere in discussione la sincerità francese.

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Rete Voltaire

Voltaire, edizione internazionale

L’articolo è su licenza Creative Commons

Potete riprodurre liberamente gli articoli del Réseau Voltaire a condizione di citare la fonte, di non modificarli e di non usarli a scopi di lucro (licenza CC BY-NC-ND).

Sostenere Rete Voltaire

Visitate il sito dove troverete analisi approfondite che vi aiuteranno a comprendere la realtà. Per continuare questo lavoro, abbiamo bisogno della vostra participazione.
Aiutateci con un contributo.

Come partecipare alla Rete Voltaire?

Gli animatori del Réseau sono tutti volontari.
- Autori: diplomatici, economisti, geografi, storici, giornalisti, militari, filosofi, sociologi... potete inviarci i vostri articoli.
- Traduttori professionali: potete partecipare alla traduzione degli articoli.

Quei parà sulle nostre teste
«L’arte della guerra»
Quei parà sulle nostre teste
di Manlio Dinucci, Rete Voltaire
 
Goldman Sachs - Nato Corp.
“L’arte della guerra”
Goldman Sachs - Nato Corp.
di Manlio Dinucci, Rete Voltaire
 
Il mondo dopo l'accordo Washington/Teheran
«Sotto i nostri occhi» - Cronaca di politica internazionale n°140
Il mondo dopo l’accordo Washington/Teheran
di Thierry Meyssan, Rete Voltaire
 
Siria, retorica e verità
Siria, retorica e verità
di Thierry Meyssan, Rete Voltaire
 
Clinton, Juppé, Erdoğan, Daesh e il PKK
Un folle ambizione si trasforma in guerra civile
Clinton, Juppé, Erdoğan, Daesh e il PKK
di Thierry Meyssan, Rete Voltaire