Rete Voltaire

L’Iraq vieta 10 canali televisivi per "incitamento alla violenza"

+

La Commissione sui media e la comunicazione (CMC) irachena ha vietato, il 28 aprile 2013, 10 canali televisivi per "incitamento alla violenza".

Queste dieci reti sono sunnite e si oppongono al governo di Nouri al-Maliki. Sono tutte irachene, ad eccezione di al-Jazeera, del Qatar. In effetti invocano le violenze settarie.

Ssono:

- Baghdad
- al-Sharkia
- al-Sharlia News
- al-Babilia
- Salah al-Din
- al-Anwar 2
- al-Taghyiir
- al-Falouga
- al-Jazeera
- al-Gharbia

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Rete Voltaire

Voltaire, edizione internazionale

L’articolo è su licenza Creative Commons

Potete riprodurre liberamente gli articoli del Réseau Voltaire a condizione di citare la fonte, di non modificarli e di non usarli a scopi di lucro (licenza CC BY-NC-ND).

Sostenere Rete Voltaire

Visitate il sito dove troverete analisi approfondite che vi aiuteranno a comprendere la realtà. Per continuare questo lavoro, abbiamo bisogno della vostra participazione.
Aiutateci con un contributo.

Come partecipare alla Rete Voltaire?

Gli animatori del Réseau sono tutti volontari.
- Traduttori professionali: potete partecipare alla traduzione degli articoli.

Dietro la maschera «anti-Isis»
«L’arte della guerra»
Dietro la maschera «anti-Isis»
di Manlio Dinucci, Rete Voltaire
 
Dove esploderà la prossima crisi economica mondiale?
Dove esploderà la prossima crisi economica mondiale?
di Ariel Noyola Rodríguez, Rete Voltaire
 
Verso la pace, senza l'opposizione armata
Ginevra 3
Verso la pace, senza l’opposizione armata
di Thierry Meyssan, Rete Voltaire
 
La Germania e l'ONU contro la Siria
Esclusivo
La Germania e l’ONU contro la Siria
di Thierry Meyssan, Rete Voltaire
 
L'asse segreto Usa-Saudita
«L’arte della guerra»
L’asse segreto Usa-Saudita
di Manlio Dinucci, Rete Voltaire
 
La Cina si schiera nel Medio Oriente
La Cina si schiera nel Medio Oriente
di Thierry Meyssan, Rete Voltaire
 
La situazione militare in Siria
La situazione militare in Siria
di Valentin Vasilescu, Rete Voltaire