Rete Voltaire

Il "ribelli" siriani non mancano di armi, ma di uomini

+

Mentre le sorti della guerra in Siria si rovesciano e l’Esercito arabo siriano libera la zona di Qusayr, il ministro degli Esteri francese Laurent Fabius ha chiesto d’inviare urgentemente armi ai ribelli per riequilibrare i rapporti di forza.

Tuttavia, la sconfitta dei gruppi armati è tale che l’invio di armi non cambierà molto. Sono gli uomini necessari ai "ribelli", che non si affrettano più a venire a morire in Siria.

In queste condizioni, la Francia impedisce lo svolgimento della conferenza di pace di "Ginevra 2".

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Rete Voltaire

Voltaire, edizione internazionale

L’articolo è su licenza Creative Commons

Potete riprodurre liberamente gli articoli del Réseau Voltaire a condizione di citare la fonte, di non modificarli e di non usarli a scopi di lucro (licenza CC BY-NC-ND).

Sostenere Rete Voltaire

Visitate il sito dove troverete analisi approfondite che vi aiuteranno a comprendere la realtà. Per continuare questo lavoro, abbiamo bisogno della vostra participazione.
Aiutateci con un contributo.

Come partecipare alla Rete Voltaire?

Gli animatori del Réseau sono tutti volontari.
- Autori: diplomatici, economisti, geografi, storici, giornalisti, militari, filosofi, sociologi... potete inviarci i vostri articoli.
- Traduttori professionali: potete partecipare alla traduzione degli articoli.