Rete Voltaire

FMI chiude la televisione pubblica greca

+

Per soddisfare i requisiti del Fondo monetario internazionale, il governo greco ha deciso di chiudere il gruppo pubblico radiotelevisivo con 19 canali regionali, quattro nazionali, uno a diffusione internazionale, sei stazioni radio, riviste dei programmi televisivi, siti web e la totalità degli archivi audiovisivi nazionali.

L’11 giugno 2013 a mezzanotte, le reti statali hanno smesso le trasmissioni e 2.950 dipendenti sono rimasti senza lavoro.

Questo è un caso da manuale: le reti greche erano mal gestite e avevano poca audience, ma hanno avuto un ruolo politico centrale. Sono state censurate per motivi economici e non direttamente politici.

La Grecia è l’unico Paese sviluppato a non avere una rete radiotelevisiva pubblica.

Forse il governo prepara la revisione della radiodiffusione pubblica, rilanciando alcuni canali, con una migliore gestione, tra diversi mesi.

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Rete Voltaire

Voltaire, edizione internazionale

L’articolo è su licenza Creative Commons

Potete riprodurre liberamente gli articoli del Réseau Voltaire a condizione di citare la fonte, di non modificarli e di non usarli a scopi di lucro (licenza CC BY-NC-ND).

Sostenere Rete Voltaire

Visitate il sito dove troverete analisi approfondite che vi aiuteranno a comprendere la realtà. Per continuare questo lavoro, abbiamo bisogno della vostra participazione.
Aiutateci con un contributo.

Come partecipare alla Rete Voltaire?

Gli animatori del Réseau sono tutti volontari.
- Autori: diplomatici, economisti, geografi, storici, giornalisti, militari, filosofi, sociologi... potete inviarci i vostri articoli.
- Traduttori professionali: potete partecipare alla traduzione degli articoli.