Rete Voltaire

Le Forze Speciali libanesi neutralizzano lo sheikh Ahmad al-Asir

+

Sheikh Ahmad al-Asir ha attaccato il 23 giugno 2013 una postazione dell’esercito libanese dopo l’arresto di uno dei suoi luogotenenti, Beirouti Fadi, che viaggiava su un convoglio armato. I sostenitori dello sheikh hanno ucciso tre soldati libanesi, tra cui un ufficiale.

Reagendo immediatamente, sono intervenute le forze speciali libanesi. Hanno inseguito il gruppo armato fino alla moschea Bilal bin Rabah di Abra (2 km da Sidone), che funge da quartier generale dello sheikh, assediandola.

Durante il combattimento, lo sceicco Ahmad al-Asir ha fatto appello con il telefono cellulare ai suoi seguaci a disertare dall’esercito e unirsi a lui.

Pi˘ di trenta persone sono morte durante gli scontri con armi pesanti. Lo sheikh sarebbe fuggito in ambulanza, prima di riprendere la lotta poco dopo.

Tutto il Paese era davanti alla televisione per seguire gli "eventi" di quella domenica. Rispondendo all’appello dello sheikh, salafiti palestinesi hanno assaltato Sidone, dove l’esercito li ha circondati e bombardati. Nello frattempo, disordini sono scoppiati a Tripoli.

Sheikh Ahmad al-Asir Ë un ex giocatore di tabla. Dall’inizio della crisi siriana, Ë diventato sceicco grazie al forte sostegno finanziario del Qatar. Ben presto divenuto famoso per le sue provocazioni contro l’Hezbollah sciita. Nel novembre 2012 e nel giugno 2013 gli scontri tra i suoi sostenitori e i membri del movimento di resistenza avevano ucciso quattro persone. L’esercito non intervenne poichÈ il presidente Michel Sleiman riteneva che non fosse stato minacciato direttamente.

Per tutto il pomeriggio, i leader politici erano irraggiungibili, in attesa di vedere l’esito dei combattimenti. Tuttavia, l’ex primo ministro Najib Miqati ha denunciato l’intervento dell’esercito e ha cercato di ottenerne la ritirata. Questi eventi si verificano quando l’emiro del Qatar e il suo primo ministro vengono costretti dagli USA a cedere entro un mese il trono dell’emirato al principe Tamim. L’emiro aveva investito nel potere del presidente Michel Sleiman, eppure la Costituzione libanese vieta agli ex capi di Stato maggiore di farsi eleggere direttamente presidente.

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Rete Voltaire

Voltaire, edizione internazionale

L’articolo è su licenza Creative Commons

Potete riprodurre liberamente gli articoli del Réseau Voltaire a condizione di citare la fonte, di non modificarli e di non usarli a scopi di lucro (licenza CC BY-NC-ND).

Sostenere Rete Voltaire

Visitate il sito dove troverete analisi approfondite che vi aiuteranno a comprendere la realtà. Per continuare questo lavoro, abbiamo bisogno della vostra participazione.
Aiutateci con un contributo.

Come partecipare alla Rete Voltaire?

Gli animatori del Réseau sono tutti volontari.
- Autori: diplomatici, economisti, geografi, storici, giornalisti, militari, filosofi, sociologi... potete inviarci i vostri articoli.
- Traduttori professionali: potete partecipare alla traduzione degli articoli.

Clinton, Juppé, Erdoğan, Daesh e il PKK
Un folle ambizione si trasforma in guerra civile
Clinton, Juppé, Erdoğan, Daesh e il PKK
di Thierry Meyssan
La Turchia in pericolo
La Turchia in pericolo
di Thierry Meyssan
Patto militare Grecia-Israele
«L’arte della guerra»
Patto militare Grecia-Israele
di Manlio Dinucci, Rete Voltaire
 
La Ue si arruola nella Nato
“L’arte della guerra”
La Ue si arruola nella Nato
di Manlio Dinucci, Rete Voltaire
 
Prime conseguenze dell'accordo fra Iran e 5+1
Prime conseguenze dell’accordo fra Iran e 5+1
di Thierry Meyssan, Rete Voltaire
 
Promuovere la yuanizzazione dell'economia globale
IL COMPITO DEI BRICS
Promuovere la yuanizzazione dell’economia globale
di Ariel Noyola Rodríguez, Rete Voltaire
 
L'Europa ancora in prima linea
“L’arte della guerra”
L’Europa ancora in prima linea
di Manlio Dinucci, Rete Voltaire
 
La Russia toglie le sue castagne dal fuoco
A margine dei negoziati 5+1
La Russia toglie le sue castagne dal fuoco
di Thierry Meyssan, Rete Voltaire
 
La Dichiarazione di Delphi
Su Grecia ed Europa
La Dichiarazione di Delphi
Rete Voltaire