Rete Voltaire
«L’arte della guerra»

Dietro l’«Africa Trip» di Obama

| Roma
+
JPEG - 25.4 Kb

Si è fatto fotografare nella Casa degli schiavi, sull’isola di Gorée in Senegal, mentre guarda pensoso l’Atlantico attraverso cui milioni di africani furono trasportati in catene nelle Americhe. Si è detto ispirato, come «Presidente afro-americano», da questo luogo che «mi dà motivazioni ancora più grandi per difendere i diritti umani in tutto il mondo».

Con questi toni il presidente Obama ha iniziato il suo viaggio in Africa. Ma, in Sudafrica, è stato accolto da migliaia di lavoratori e studenti che lo hanno definito «schiavista», accusandolo di tradimento delle promesse elettorali e di crimini di guerra. Obama non è neppure riuscito a farsi fotografare al capezzale di Nelson Mandela, immagine-simbolo a cui tanto teneva.

Non tutto quindi è andato per il verso giusto nell’«Africa Trip 2013». Giro di propaganda costato un centinaio di milioni di dollari: al seguito del Presidente sono arrivati dagli Usa centinaia di agenti dei servizi segreti, con 56 veicoli speciali tra cui 14 limousine corazzate e tre camion carichi di vetri antiproiettile, e una portaerei i cui caccia hanno preso il controllo dello spazio aereo lungo il percorso presidenziale.

La vera ragione del viaggio è venuta alla luce quando Obama ha dichiarato che «la Cina rivolge molta attenzione all’Africa» e che è «interesse degli Stati uniti approfondire e allargare le partenership con i paesi africani». C’è però un problema: gli Usa non riescono a competere economicamente con la Cina, i cui investimenti sono per i paesi africani molto più utili e vantaggiosi a confronto di quelli statunitensi, che puntano al massimo profitto concentrandosi nello sfruttamento delle risorse energetiche e minerali.

Per contrastare l’influenza cinese e rafforzare quella statunitense in Africa, l’amministrazione Obama ricorre soprattutto a strumenti politici e militari. Tra questi, «l’Iniziativa per i giovani leader africani», il cui scopo è «sviluppare una prestigiosa rete di giovani leader in settori fondamentali e cementare legami ancora più forti con gli Stati uniti». Attraverso «forum di alto profilo» e oltre 2mila «programmi per la gioventù» finanziati con milioni di dollari, Washington cerca di creare in Africa nuove élite dirigenti filo-Usa.

Contemporaneamente, attraverso il Comando Africa, rafforza la presenza militare Usa nel continente. La principale base per tale operazione è Sigonella. Qui è stata dispiegata la Special-Purpose Marine Air-Ground Task Force (Magtf) del Corpo dei marine, che, dotata di convertiplani MV-22 Ospreys e aerei-cisterna C-130, invia a rotazione squadre in Africa. Da gennaio ad oggi, partendo da Sigonella, ha addestrato forze speciali africane in Uganda, Burundi, Camerun, Ghana, Burkina Faso, Seicelle, Mozambico, Tanzania, Senegal e Liberia. La task force di Sigonella collabora anche al Military Intelligence Basic Officer Course-Africa, attraverso cui vengono formati ufficiali dei servizi segreti africani in Kenya, Etiopia, Sud Sudan, Nigeria e altri paesi. Il corso Miboc-A viene definito «una delle centinaia di attività per la sicurezza svolte dai militari Usa in Africa». Si estende così sull’Africa la rete militare Usa, che attraverso molteplici legami recluta ufficiali e forze speciali locali. Operazione diretta dal Comando Africa, che pochi giorni fa ha installato, presso la Task force congiunta per il Corno d’Africa a Gibuti, il suo primo «posto di comando avanzato» nel continente. Nuova versione dei vecchi strumenti di dominio coloniale.

Stia però attento Obama: come ha detto lui stesso, «l’Africa si sta sollevando».

Fonte
Il Manifesto

Manlio Dinucci

Geografo. Ultimi lavori pubblicati: Geocommunity Ed. Zanichelli 2013 ; Geografia del ventunesimo secolo, Zanichelli 2010 ; Escalation. Anatomia della guerra infinita, Ed. DeriveApprodi 2005.

 
Ucraina, obiettivo centrato
Ucraina, obiettivo centrato
«L’arte della guerra»
 
Gaza, il gas nel mirino
Gaza, il gas nel mirino
«L’arte della guerra»
 
Tricolore nel Mar Nero
Tricolore nel Mar Nero
«L’arte della guerra»
 
La politica del (dis)armo
La politica del (dis)armo
«L’arte della guerra»
 
Rete Voltaire

Voltaire, edizione internazionale

L’articolo è su licenza Creative Commons

Potete riprodurre liberamente gli articoli del Réseau Voltaire a condizione di citare la fonte, di non modificarli e di non usarli a scopi di lucro (licenza CC BY-NC-ND).

Sostenere Rete Voltaire

Visitate il sito dove troverete analisi approfondite che vi aiuteranno a comprendere la realtà. Per continuare questo lavoro, abbiamo bisogno della vostra participazione.
Aiutateci con un contributo.

Come partecipare alla Rete Voltaire?

Gli animatori del Réseau sono tutti volontari.
- Autori: diplomatici, economisti, geografi, storici, giornalisti, militari, filosofi, sociologi... potete inviarci i vostri articoli.
- Traduttori professionali: potete partecipare alla traduzione degli articoli.

Estensione della guerra del gas al Levante
«Sotto i nostri occhi»
Estensione della guerra del gas al Levante
di Thierry Meyssan
Una jihad globale contro i BRICS?
Una jihad globale contro i BRICS?
di Alfredo Jalife-Rahme
Ucraina, obiettivo centrato
«L’arte della guerra»
Ucraina, obiettivo centrato
di Manlio Dinucci, Rete Voltaire
 
Gaza, il gas nel mirino
«L’arte della guerra»
Gaza, il gas nel mirino
di Manlio Dinucci, Rete Voltaire
 
Il "Kurdistan", versione israeliana
Il "Kurdistan", versione israeliana
di Thierry Meyssan, Rete Voltaire
 
Come l'Italia contribuisce ai raid israeliani
Come l’Italia contribuisce ai raid israeliani
di Manlio Dinucci, Rete Voltaire
 
Tricolore nel Mar Nero
«L’arte della guerra»
Tricolore nel Mar Nero
di Manlio Dinucci, Rete Voltaire