Rete Voltaire

L’esercito turco cerca di comprare un missile cinese

+

Forte emozione a Washington all’annuncio da parte del quotidiano Hurriyet di trattative segrete tra Turchia e Cina per l’acquisto del sistema di difesa antimissile HQ-9. I negoziati sono stati condotti dallo stato maggiore. La decisione dell’acquisto è in attesa di approvazione da parte del ministro della Difesa Ismet Yilmaz, e del Primo ministro Recep Tayyip Erdogan, fedele alleato di Washington.

Negli ultimi anni, l’80% dei generali turchi è stato accusato o imprigionato per "cospirazione contro lo Stato", in realtà per essersi volti verso la Russia e la Cina dopo gli attacchi dell’11 settembre. L’Alleanza dunque ha pensato di curare la "malattia cinese". La Turchia è un membro della NATO.

"Ankara’s move to Chinese air systems appals NATO allies", Burak Bekdil, Hurriyet Daily News, 2 luglio 2013.

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Rete Voltaire

Voltaire, edizione internazionale

L’articolo è su licenza Creative Commons

Potete riprodurre liberamente gli articoli del Réseau Voltaire a condizione di citare la fonte, di non modificarli e di non usarli a scopi di lucro (licenza CC BY-NC-ND).

Sostenere Rete Voltaire

Visitate il sito dove troverete analisi approfondite che vi aiuteranno a comprendere la realtà. Per continuare questo lavoro, abbiamo bisogno della vostra participazione.
Aiutateci con un contributo.

Come partecipare alla Rete Voltaire?

Gli animatori del Réseau sono tutti volontari.
- Autori: diplomatici, economisti, geografi, storici, giornalisti, militari, filosofi, sociologi... potete inviarci i vostri articoli.
- Traduttori professionali: potete partecipare alla traduzione degli articoli.