Rete Voltaire

Fine delle operazioni militari nella regione orientale della Russia

+

La manovre militari a sorpresa delle truppe nella regione orientale della Russia sono finite. Dal 12 al 21 luglio 2013 hanno mobilitato 160.000 uomini, 1.000 carri armati e veicoli blindati e 130 aerei ed elicotteri, 70 navi, in presenza di 60 osservatori militari stranieri.

Indetta dal Presidente Vladimir Putin poche ore prima del loro avvio, sono state quelle di più alto profilo in Russia e la più grandi dal crollo dell’Unione Sovietica.

Mentre sono stati identificati molti problemi, le Forze Armate russe sono apparse in ordine di battaglia, ha osservato il ministro della Difesa Sergej Shojgu durante la sua relazione al presidente.

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Rete Voltaire

Voltaire, edizione internazionale

L’articolo è su licenza Creative Commons

Potete riprodurre liberamente gli articoli del Réseau Voltaire a condizione di citare la fonte, di non modificarli e di non usarli a scopi di lucro (licenza CC BY-NC-ND).

Sostenere Rete Voltaire

Visitate il sito dove troverete analisi approfondite che vi aiuteranno a comprendere la realtà. Per continuare questo lavoro, abbiamo bisogno della vostra participazione.
Aiutateci con un contributo.

Come partecipare alla Rete Voltaire?

Gli animatori del Réseau sono tutti volontari.
- Autori: diplomatici, economisti, geografi, storici, giornalisti, militari, filosofi, sociologi... potete inviarci i vostri articoli.
- Traduttori professionali: potete partecipare alla traduzione degli articoli.

Quei parà sulle nostre teste
«L’arte della guerra»
Quei parà sulle nostre teste
di Manlio Dinucci, Rete Voltaire
 
Goldman Sachs - Nato Corp.
“L’arte della guerra”
Goldman Sachs - Nato Corp.
di Manlio Dinucci, Rete Voltaire
 
Il mondo dopo l'accordo Washington/Teheran
«Sotto i nostri occhi» - Cronaca di politica internazionale n°140
Il mondo dopo l’accordo Washington/Teheran
di Thierry Meyssan, Rete Voltaire
 
Siria, retorica e verità
Siria, retorica e verità
di Thierry Meyssan, Rete Voltaire
 
Clinton, Juppé, Erdoğan, Daesh e il PKK
Un folle ambizione si trasforma in guerra civile
Clinton, Juppé, Erdoğan, Daesh e il PKK
di Thierry Meyssan, Rete Voltaire