Rete Voltaire

La Russia smentisce Reuters sul vertice Putin-bin Sultan

+

La Russia, per voce del consigliere presidenziale Jurij Ushakov, ha smentito la notizia trasmessa dall’opposizione siriana, rilanciata da Reuters, secondo cui aveva accettato di far cadere il governo di Bashar al-Assad in cambio di un ordine dei sauditi per 15 miliardi dollari in armamenti e del proseguimento delle forniture di gas russo all’Europa.

La controversia era stata gonfiata dopo la pubblicazione di un articolo di Thierry Meyssan che dava tutt’altro senso all’incontro tra Vladimir Putin e il principe Bandar Bin Sultan [1]. Secondo Ushakov, le discussioni non si sarebbero mai focalizzate su un accordo russo-saudita, ma sulle differenze dell’approccio filosofico dei due Paesi al conflitto in Siria e al suo impatto regionale.

Per Thierry Meyssan, il principe saudita aveva sottolineato la necessità per il suo Paese di uscire a testa alta dalla crisi siriana e aveva programmato, perciò, di rimettere Saad Hariri alla guida del Libano.

[1] "L’Arabia Saudita è pronta a negoziare", Thierry Meyssan, Rete Voltaire/al-Watan/, 5 agosto 2013.

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Rete Voltaire

Voltaire, edizione internazionale

L’articolo è su licenza Creative Commons

Potete riprodurre liberamente gli articoli del Réseau Voltaire a condizione di citare la fonte, di non modificarli e di non usarli a scopi di lucro (licenza CC BY-NC-ND).

Sostenere Rete Voltaire

Visitate il sito dove troverete analisi approfondite che vi aiuteranno a comprendere la realtà. Per continuare questo lavoro, abbiamo bisogno della vostra participazione.
Aiutateci con un contributo.

Come partecipare alla Rete Voltaire?

Gli animatori del Réseau sono tutti volontari.
- Autori: diplomatici, economisti, geografi, storici, giornalisti, militari, filosofi, sociologi... potete inviarci i vostri articoli.
- Traduttori professionali: potete partecipare alla traduzione degli articoli.