Rete Voltaire
«L’arte della guerra»

La scottante verità di Ilaria

| Roma (Italia)
+
JPEG - 38.2 Kb
Ilaria Alpi

La docufiction «Ilaria Alpi – L’ultimo viaggio» (visibile sul sito di Rai Tre) [1] getta luce, soprattutto grazie a prove scoperte dal giornalista Luigi Grimaldi, sull’omicidio della giornalista e del suo operatore Miran Hrovatin il 20 marzo 1994 a Mo-gadiscio. Furono assassinati, in un agguato organizzato dalla Cia con l’aiuto di Gladio e servizi segreti italiani, perché ave-vano scoperto un traffico di armi gestito dalla Cia attraverso la flotta della società Schifco, donata dalla Cooperazione ita-liana alla Somalia ufficialmente per la pesca.

In realtà, agli inizi degli anni Novanta, le navi della Shifco erano usate, in-sieme a navi della Lettonia, per trasportare armi Usa e rifiuti tossici anche radioattivi in Somalia e per rifornire di armi la Croazia in guerra contro la Jugoslavia. Anche se nella docu-fiction non se ne parla, risulta che una nave della Shifco, la 21 Oktoobar II (poi sotto bandiera panamense col nome di Urgull), si trovava il 10 aprile 1991 nel porto di Livorno dove era in corso una operazione segreta di trasbordo di armi Usa rientrate a Camp Darby dopo la guerra all’Iraq, e dove si con-sumò la tragedia della Moby Prince in cui morirono 140 per-sone.

Sul caso Alpi, dopo otto processi (con la condanna di un somalo ritenuto innocente dagli stessi genitori di Ilaria) e quattro commissioni parlamentari, sta venendo alla luce la verità, ossia ciò che Ilaria aveva scoperto e appuntato sui tac-cuini, fatti sparire dai servizi segreti. Una verità di scottante, drammatica attualità.

L’operazione «Restore Hope», lanciata nel dicembre 1992 in Somalia (paese di grande importanza geostrategica) dal presidente Bush, con l’assenso del neo-presidente Clinton, è stata la prima missione di «ingerenza umanitaria».

Con la stessa motivazione, ossia che occorre in-tervenire militarmente quando è in pericolo la sopravvivenza di un popolo, sono state lanciate le successive guerre Usa/Nato contro la Jugoslavia, l’Afghanistan, l’Iraq, la Libia, la Siria e altre operazioni come quelle nello Yemen e in Ucraina. Preparate e accompagnate, sotto la veste «umanita-ria», da attività segrete. Una inchiesta del New York Times [2] ha confermato l’esistenza di una rete inter-nazionale della Cia, che con aerei qatariani, giordani e sauditi fornisce ai «ribelli» in Siria, attraverso la Turchia, armi pro-venienti anche dalla Croazia, che restituisce così alla Cia il «favore» ricevuto negli anni Novanta.

Quando il 29 maggio scorso il quotidiano turco Cumhuriyet ha pubblicato un video che mostra il transito di tali armi attraverso la Turchia, il pre-sidente Erdogan ha dichiarato che il direttore del giornale pa-gherà «un prezzo pesante».

Ventun anni fa Ilaria Alpi pagò con la vita il tentativo di dimostrare che la realtà della guerra non è solo quella che viene fatta apparire ai nostri occhi. Da allora la guerra è divenuta sempre più «coperta». Lo conferma un servizio del New York Times [3] sulla «Team 6», unità supersegreta del Comando Usa per le operazioni speciali, incaricata delle «uccisioni silenziose». I suoi specia-listi «hanno tramato azioni mortali da basi segrete sui calan-chi della Somalia, in Afghanistan si sono impegnati in com-battimenti così ravvicinati da ritornare imbevuti di sangue non loro», uccidendo anche con «primitivi tomahawks». Usando «stazioni di spionaggio in tutto il mondo», camuffan-dosi da «impiegati civili di compagnie o funzionari di amba-sciate», seguono coloro che «gli Stati uniti vogliono uccidere o catturare».

La «Team 6» è divenuta «una macchina globale di caccia all’uomo». I killer di Ilaria Alpi sono oggi ancora più potenti.

Ma la verità è dura da uccidere.

Fonte
Il Manifesto (Italia)

[1] Ilaria Alpi – L’Ultimo Viaggio, Rai 3.

[2] “Arms Airlift to Syria Rebels Expands, With Aid From C.I.A.”, C.J. Chivers & Eric Schmitt, The New York Times, March 24, 2013.

[3] “SEAL Team 6: A Secret History of Quiet Killings and Blurred Lines”, Mark Mazzetti, Nicholas Kulish, Christopher Drew, Serge F. Kovaleski, Sean D. Naylor & John Ismay, The New York Times, June 6, 2015.

Manlio Dinucci

Manlio Dinucci Geografo. Ultimi lavori pubblicati: Laboratorio di geografia, Zanichelli 2014 ; Diario di viaggio, Zanichelli 2017 ; L’arte della guerra / Annali della strategia Usa/Nato 1990-2016, Zambon 2016.

 
Bipartisan il riarmo Usa anti-Russia
Bipartisan il riarmo Usa anti-Russia
«L’arte della guerra»
 
Grandi manovre nucleari alla Camera
Grandi manovre nucleari alla Camera
«L’arte della guerra»
 
La NATO Boccia il Disarmo Nucleare
La NATO Boccia il Disarmo Nucleare
“L’arte della Guerra”
 
Il Venezuela si ribella al petrodollaro
Il Venezuela si ribella al petrodollaro
«L’arte della guerra»
 
Russia e Cina contro l
Russia e Cina contro l’impero del dollaro
«L’arte della guerra»
 
Rete Voltaire

Voltaire, edizione internazionale

L’articolo è su licenza Creative Commons

Potete riprodurre liberamente gli articoli del Réseau Voltaire a condizione di citare la fonte, di non modificarli e di non usarli a scopi di lucro (licenza CC BY-NC-ND).

Sostenere Rete Voltaire

Visitate il sito dove troverete analisi approfondite che vi aiuteranno a comprendere la realtà. Per continuare questo lavoro, abbiamo bisogno della vostra participazione.
Aiutateci con un contributo.

Come partecipare alla Rete Voltaire?

Gli animatori del Réseau sono tutti volontari.
- Traduttori professionali: potete partecipare alla traduzione degli articoli.