Rete Voltaire

A Qatif (Arabia Saudita) la guerra civile non si ferma

+

Da fine 2011 a Qatif (provincia saudita sul Golfo Persico) ci sono state molte manifestazioni antigovernative. Da tre mesi le “Aquile di Nayef” (unità di polizia saudita che ha represso la rivoluzione in Bahrein) vi “mantengono l’ordine”.

Utilizzando blindati e bombardando i ribelli d’Al Awamia, la polizia ha completamente distrutto il quartiere Moussawara e si prepara a dare l’assalto al quartiere Chouweikat.

I manifestanti sono sciiti, le “Aquile di Nayef” sono wahabite.

Il 2 gennaio 2016 la monarchia assoluta ha fatto decapitare il capo dell’opposizione nazionale, lo sceicco sciita Nimr Baqr al-Nimr, sebbene fosse un fermo oppositore della violenza. Dunque oggi, in assenza di rappresentanti dell’opposizione, non c’è alcuna possibilità di dialogo.

Mentre l’Arabia Saudita prepara l’abdicazione del re Salman e l’ascesa al trono del figlio, il principe Mohammed, le Nazioni Unite assistono in silenzio al massacro.

Traduzione
Rachele Marmetti
Il Cronista

Rete Voltaire

Voltaire, edizione internazionale

L’articolo è su licenza Creative Commons

Potete riprodurre liberamente gli articoli del Réseau Voltaire a condizione di citare la fonte, di non modificarli e di non usarli a scopi di lucro (licenza CC BY-NC-ND).

Sostenere Rete Voltaire

Visitate il sito dove troverete analisi approfondite che vi aiuteranno a comprendere la realtà. Per continuare questo lavoro, abbiamo bisogno della vostra participazione.
Aiutateci con un contributo.

Come partecipare alla Rete Voltaire?

Gli animatori del Réseau sono tutti volontari.
- Traduttori professionali: potete partecipare alla traduzione degli articoli.