Rete Voltaire

Manifestazione in Kurdistan contro i Barzani

+

Il 18 dicembre scorso, rispondendo all’appello del partito Goran diverse migliaia di funzionari hanno manifestato a Sulaymaniyya, seconda città del Kurdistan iracheno, per chiedere le dimissioni del governo regionale.

I manifestanti hanno messo direttamente in causa l’autorità dei Barzani esibendo cartelli che denunciavano «26 anni di ruberie e cattive decisioni». Elementi incontrollati hanno appiccato il fuoco alle sedi del PDK, il partito dei Barzani (sunnita), e a quella del PUK, partito alleato dei Talabani (sciita).

Dopo la riconquista da parte dei soldati iracheni della città araba di Kirkuk, che il governo regionale del Kurdistan ha occupato illegalmente e colonizzato, e le dimissioni del presidente Masud Barzani, al potere a mandato scaduto, la popolazione si sta ribellando contro i Barzani.

Traduzione
Rachele Marmetti
Il Cronista

Rete Voltaire

Voltaire, edizione internazionale

L’articolo è su licenza Creative Commons

Potete riprodurre liberamente gli articoli del Réseau Voltaire a condizione di citare la fonte, di non modificarli e di non usarli a scopi di lucro (licenza CC BY-NC-ND).

Sostenere Rete Voltaire

Visitate il sito dove troverete analisi approfondite che vi aiuteranno a comprendere la realtà. Per continuare questo lavoro, abbiamo bisogno della vostra participazione.
Aiutateci con un contributo.

Come partecipare alla Rete Voltaire?

Gli animatori del Réseau sono tutti volontari.
- Traduttori professionali: potete partecipare alla traduzione degli articoli.