È la fine del Diritto Internazionale?, di Thierry Meyssan
Rete Voltaire

È la fine del Diritto Internazionale?

La guerra contro il Medio Oriente Allargato dovrebbe concludersi con il ritiro, entro i prossimi sei mesi, delle truppe USA. Non ci sono però elementi che inducano a credere che in tutti i Paesi aggrediti si affermerà di nuovo la pace. Oggi stiamo assistendo a quel che pare essere un tentativo di mettere fine al diritto internazionale. Ci stiamo avviando verso il consolidamento della bipartizione mondiale oppure verso un conflitto generalizzato?

| Damasco (Siria)
+
JPEG - 57.7 Kb

Gli occidentali vogliono liberarsi dai vincoli del Diritto Internazionale? Questa la domanda del ministro degli Esteri russo, Sergueï Lavrov, alla Conferenza sulla Sicurezza Internazionale di Mosca [1].

Negli ultimi anni Washington si è fatto promotore del concetto di “unilateralismo”: il Diritto Internazionale e le Nazioni Unite devono farsi da parte al cospetto della potenza degli Stati Uniti.

Questa concezione della politica è intrinseca alla storia americana: i coloni che arrivavano nelle Americhe volevano potervi vivere a proprio modo e fare fortuna. Ogni comunità si faceva le proprie leggi e rifiutava ogni interferenza del governo centrale negli affari locali.
Il presidente e il Congresso Federale sono i titolari della Difesa e degli Esteri, ma non accettano, al pari dei cittadini, un’autorità che sia al di sopra della loro.

Bill Clinton ha attaccato la Jugoslavia violando allegramente il Diritto Internazionale. George Bush Jr. e Barack Obama hanno fatto altrettanto, il primo contro l’Iraq, il secondo contro la Libia e la Siria. Quanto a Trump, non ha mai nascosto la propria insofferenza verso le regole sovranazionali.

Alludendo alla dottrina Cebrowski-Barnett [2], Lavrov ha dichiarato: «Si ha la netta sensazione che gli Stati Uniti stiano cercando di mantenere in questo immenso spazio geopolitico [il Medio Oriente] un caos controllato, con la speranza di poterlo utilizzare per giustificare la propria presenza militare nella regione per un tempo illimitato e per dettarvi la propria agenda».

Anche il Regno Unito ha usato il Diritto Internazionale per il proprio tornaconto. Il mese scorso, senza la benché minima prova, Londra ha accusato Mosca per l’”affare Skripal” e ha tentato di mettere insieme una maggioranza all’Assemblea Generale dell’ONU per escludere la Russia dal Consiglio di Sicurezza. Per gli anglosassoni sarebbe ovviamente più agevole riscrivere unilateralmente il Diritto, piuttosto che misurarsi con i propri avversari.

Mosca non crede che sia stata un’iniziativa di Londra, ma che sia Washington a condurre, per l’ennesima volta, le danze.

La “globalizzazione”, ossia la “mondializzazione dei valori anglosassoni”, ha creato tra gli Stati una società classista. Ma questo nuovo problema non va confuso con il diritto di veto. L’ONU, benché proclami la parità tra gli Stati, quali che siano le dimensioni, contraddistingue cinque membri permanenti del Consiglio di Sicurezza, ai quali riconosce diritto di veto. Questo direttorio, formato dai principali vincitori della seconda guerra mondiale, è la condizione per far loro accettare il principio di un Diritto sovranazionale. Tuttavia, quando questo direttorio fallisce nel sancire il Diritto, l’Assemblea Generale può subentrare, almeno in teoria, visto che i piccoli Stati che si mettono contro i grandi devono poi subire misure ritorsive.

La “mondializzazione dei valori anglosassoni” dimentica l’onore e valorizza il profitto, al punto che il peso delle proposte di uno Stato è ormai commisurato al suo rango economico. Ciononostante, negli ultimi anni tre Stati sono riusciti a farsi ascoltare nel merito di quanto proposto e non in funzione della loro economia: l’Iran di Mahmoud Ahmadinejad (oggi agli arresti domiciliari nel proprio Paese), il Venezuela di Hugo Chavez e la Santa Sede.

La confusione generata dai valori anglosassoni ha portato a finanziare organizzazioni intergovernative con denaro di privati. Una cosa tira l’altra: così, per esempio, gli Stati membri dell’Unione Internazionale delle Telecomunicazioni (UIT) hanno progressivamente rinunciato al proprio potere propositivo a beneficio di operatori privati delle telecomunicazioni, riuniti in un Comitato “consultivo”.

La “comunicazione”, nuovo nome della “propaganda”, si sta sempre più imponendo nelle relazioni internazionali. Dal segretario di Stato degli Stati Uniti, che brandisce una fiala di pseudo-antrace, al ministro britannico degli Esteri, che mente sulla provenienza del Novitchok di Salisbury: la menzogna ha scalzato il rispetto, facendo largo alla diffidenza.

Nei suoi primi anni l’ONU si sforzava di impedire la “propaganda di guerra”, oggi invece sono gli stessi membri permanenti del Consiglio di Sicurezza a ricorrervi.

Il fondo è stato toccato nel 2012, quando Washington è riuscito a far nominare uno dei suoi falchi più accaniti, Jeffrey Feltman, numero due dell’ONU [3]. Da quel momento le guerre sono orchestrate a New York, nel seno dell’istituzione che dovrebbe prevenirle.

La Russia oggi s’interroga sulla possibilità che gli occidentali intendano bloccare le Nazioni Unite. Se questo accadesse, Mosca dovrebbe creare un’istituzione alternativa, ma in tal caso non ci sarebbe più un forum per il confronto fra i due blocchi.

Allo stesso modo in cui una società orfana del Diritto si trasformerebbe in un caos dove l’uomo torna a essere lupo per ogni altro uomo, il mondo, se rinuncerà al Diritto Internazionale, ridiventerà un campo di battaglia.

Traduzione
Rachele Marmetti
Il Cronista

[1] « Allocution de Sergueï Lavrov lors de la 7e Conférence de Moscou sur la sécurité internationale », par Sergueï Lavrov, Réseau Voltaire, 5 avril 2018.

[2] “Gli Stati Uniti e il loro progetto militare mondiale”, di Thierry Meyssan, Traduzione Rachele Marmetti, Rete Voltaire, 24 agosto 2017.

[3] “La Germania e l’ONU contro la Siria”, di Thierry Meyssan, Traduzione Matzu Yagi, Megachip-Globalist (Italia) , Al-Watan (Siria) , Rete Voltaire, 28 gennaio 2016. “Feltman confermato all’ONU”, Traduzione Rachele Marmetti, Rete Voltaire, 16 febbraio 2017.

L’articolo è su licenza Creative Commons

Potete riprodurre liberamente gli articoli del Réseau Voltaire a condizione di citare la fonte, di non modificarli e di non usarli a scopi di lucro (licenza CC BY-NC-ND).

Sostenere Rete Voltaire

Visitate il sito dove troverete analisi approfondite che vi aiuteranno a comprendere la realtà. Per continuare questo lavoro, abbiamo bisogno della vostra participazione.
Aiutateci con un contributo.

Come partecipare alla Rete Voltaire?

Gli animatori del Réseau sono tutti volontari.
- Traduttori professionali: potete partecipare alla traduzione degli articoli.