Rete Voltaire

In Iran la crisi si aggrava

+

La crisi in Iran s’inasprisce: il rial continua a precipitare, in sei mesi si è svalutato del 55%, mentre la disoccupazione continua ad allargarsi e pare che ormai riguardi il 40% della popolazione, ma il dato non è verificabile.

A luglio dovrebbero scattare nuove sanzioni americane e il presidente Hassan Rohani ha denunciato un complotto USA per distruggere le speranze del popolo iraniano.

L’ayatollah Sadeq Amoli Larijani, al vertice del potere giudiziario e fratello del presidente del parlamento, ha accusato di “tradimento” gli speculatori del mercato dei cambi.

187 parlamentari su 290 hanno scritto alla guida della Rivoluzione, l’ayatollah Ali Khamenei, chiedendogli di sostituire l’intera équipe economica del governo.

Traduzione
Rachele Marmetti
Il Cronista

Rete Voltaire

Voltaire, edizione internazionale

L’articolo è su licenza Creative Commons

Potete riprodurre liberamente gli articoli del Réseau Voltaire a condizione di citare la fonte, di non modificarli e di non usarli a scopi di lucro (licenza CC BY-NC-ND).

Sostenere Rete Voltaire

Visitate il sito dove troverete analisi approfondite che vi aiuteranno a comprendere la realtà. Per continuare questo lavoro, abbiamo bisogno della vostra participazione.
Aiutateci con un contributo.

Come partecipare alla Rete Voltaire?

Gli animatori del Réseau sono tutti volontari.
- Traduttori professionali: potete partecipare alla traduzione degli articoli.