Rete Voltaire

Cosa prepara Donald Trump

Dopo l’esame degli eventi storici cui Donald Trump fa riferimento (il compromesso costituzionale del 1789, gli esempi di Andrew Jackson e di Richard Nixon) e della percezione della sua politica da parte dei sostenitori, ora Thierry Meyssan passa all’analisi della sua azione antimperialista. Trump non vuole un ritorno al passato. Al contrario, sta abbandonando gli interessi della classe dirigente transnazionale a beneficio dello sviluppo economico nazionale.

| Damasco (Siria)
+
JPEG - 21.9 Kb
Il vento delle pale dell’elicottero presidenziale ha fatto volare via il berretto di un marine di guardia, Donald Trump lo raccoglie e glielo rimette in testa.

Questo articolo è il seguito di "La collocazione di Donald Trump”, di Thierry Meyssan, Traduzione Rachele Marmetti, Rete Voltaire, 19 giugno 2018.

Il problema

Nel 1916, durante la prima guerra mondiale, Lenin analizzò le ragioni che portarono allo scontro tra gli imperi dell’epoca e scrisse L’imperialismo fase suprema del capitalismo. In quest’opera Lenin ha così chiarito il suo pensiero: «L’imperialismo è dunque il capitalismo giunto a quella fase di sviluppo in cui si è formato il dominio dei monopoli e del capitale finanziario, l’esportazione di capitale ha acquistato grande importanza, è cominciata la ripartizione del mondo fra i trust internazionali ed è già compiuta la ripartizione dell’intera superficie terrestre tra i più grandi paesi capitalistici.»

I fatti hanno confermato la logica di concentrazione del capitalismo descritta da Lenin. Nel corso di un secolo, agli imperi precedenti se n’è sostituito uno nuovo: «L’America», da non confondersi con il continente americano. A furia di fusioni-acquisizioni, un esiguo numero di società multinazionali ha prodotto una classe dirigente globale che ogni anno si autocelebra a Davos, in Svizzera. Questi personaggi non servono gli interessi del popolo statunitense – del resto loro stessi non sono necessariamente tutti statunitensi – bensì si servono dei mezzi dello Stato federale USA per massimizzare i loro profitti.

Donald Trump è stato eletto presidente degli Stati Uniti sulla promessa di ritornare, attraverso la libera concorrenza, a uno stadio anteriore del capitalismo, quello del “sogno americano”. Certo si può ritenere, come Lenin, che questo ripristino sia impossibile a priori, tuttavia Trump ha imboccato questa via.

Il cuore del sistema capitalistico imperiale è espresso dalla dottrina del Pentagono, enunciata dall’ammiraglio Arthur Cebrowski: il mondo è ormai diviso in due, da un lato gli Stati sviluppati e stabili, dall’altro gli Stati non ancora integrati nella globalizzazione imperiale, dunque votati all’instabilità. La missione delle forze armate USA è distruggere le strutture statali e sociali delle regioni non integrate: dal 2001 hanno con pazienza distrutto il Medio Oriente Allargato, ora si apprestano a fare altrettanto nel Bacino dei Caraibi.

Non si può non prendere atto che il modo di comprensione del mondo da parte del Pentagono si fonda sugli stessi concetti utilizzati da pensatori antimperialisti, come Immanuel Wallerstein, Giovanni Arrighi o Samir Amin.

Il tentativo di soluzione

Dunque, l’obiettivo di Trump è sia reinvestire i capitali transnazionali nell’economia USA sia ricondurre Pentagono e CIA, dalla funzione imperialista che attualmente rivestono, alla difesa nazionale. Per ottenere questo risultato, Trump deve ritirarsi dai trattati commerciali internazionali e sciogliere le strutture intergovernative che rendono stabile l’ordine che vuole sovvertire.

Sciogliere i trattati internazionali

Già nei primi giorni di mandato, Trump ha ritirato gli Stati Uniti dall’accordo sul Partenariato Trans-Pacifico, che non era stato ancora firmato, un trattato commerciale strategicamente concepito per isolare la Cina.

Non potendo annullare la firma sui trattati in vigore, per esempio l’Accordo Nordamericano per il Libero Scambio, Trump ha cominciato a smontarli, imponendo diritti di dogana che ne violano lo spirito, anche se non la lettera.

Reinquadrare o sciogliere le strutture intergovernative

L’abbiamo spesso scritto su questo sito: le Nazioni Unite non sono più un forum per la pace, sono diventate strumento dell’imperialismo USA; una trasformazione cui solo pochi Stati continuano a opporsi. Questo accadde con la politica della sedia vuota dell’Unione Sovietica (guerra di Corea) e continua a succedere da luglio 2012.

Il presidente Trump ha attaccato i due principali strumenti imperialisti in seno all’ONU: le operazioni per il mantenimento della pace (che hanno sostituito le missioni di osservazione, previste inizialmente dalla Carta) e il Consiglio per i Diritti dell’Uomo (la cui unica funzione è adesso giustificare le guerre umanitarie della NATO). Trump ha svuotato il budget delle prime e ha ritirato gli Stati Uniti dal secondo. Per contro, non è riuscito a imporre il proprio candidato al posto di direttore dell’Organizzazione Mondiale per le Migrazioni, lasciando così campo libero, per il momento, al traffico mondiale degli esseri umani. Ovviamente, Trump non vuole distruggere l’ONU, bensì reinquadrarlo per ricondurlo alla sua funzione originaria.

Trump ha recentemente silurato il G7. Quest’assise, in origine occasione di scambio di punti di vista, era divenuta dal 1994 strumento di dominazione imperiale. Nel 2014 il G7 si è trasformato in strumento anti-Russia, conformemente alla nuova strategia degli anglosassoni, che mirava a “salvare il salvabile”, ossia a evitare una nuova guerra mondiale circoscrivendo l’impero alle frontiere con la Russia e isolando quest’ultima. Durante l’ultima riunione del G7 a Charlevoix , il presidente Trump si è sforzato di dimostrare agli sconcertati alleati che egli non è più il loro sovrano e che dovranno cavarsela da soli.

Infine, dopo aver invano tentato di usare la Francia per far saltare l’Unione Europea, ha ripiegato sull’Italia, dove ha inviato Steve Bannon per far nascere, grazie all’aiuto delle banche statunitensi, un governo anti-sistema. Roma si è già alleata con altre cinque capitali per opporsi a Bruxelles.

Reinvestire nell’economia produttiva

Grazie a diverse misure fiscali e doganali – raramente votate dal Congresso, più spesso adottate per decreto – Trump incoraggia le grandi società statunitensi a riportare in patria le fabbriche. Ne è seguita un’immediata ripresa economica, pressoché l’unico risultato che i media gli riconoscono.

Tuttavia si è ancora moto lontani dall’osservare una regressione della finanza, che probabilmente continua a prosperare fuori degli Stati Uniti, ossia a succhiare le ricchezze del resto del mondo.

Reindirizzare Pentagono e CIA

Cosa evidentemente più difficile da fare. Trump ha avuto i voti della truppa, ma non quelli degli ufficiali superiori e dei generali.

Trump è entrato in politica l’11 settembre 2001, quando ha contestato immediatamente la versione ufficiale dell’attentato alle Torri Gemelle. In seguito, si è stupito delle contraddizioni tra il discorso dominante e i fatti: sebbene i presidenti Bush Jr. e Obama abbiano entrambi dichiarato di voler eliminare i movimenti jihadisti, durante i loro mandati abbiamo assistito a una moltiplicazione drastica e a una globalizzazione dello jihadismo, fenomeni che hanno consentito la creazione di uno Stato jihadista indipendente in Iraq e in Siria.

Per questa ragione Trump si è attorniato, sin dai primi giorni del mandato, di ufficiali che godono di autorità indiscussa nelle forze armate. Era per lui l’unica opzione possibile: gli permette di prevenire un colpo di Stato militare e, al tempo stesso, di farsi ubbidire nel percorso della riforma che vuole intraprendere. Per quanto riguarda la tattica sul campo, Trump ha poi dato carta bianca ai militari nel loro complesso. Infine, non perde occasione di riaffermare il proprio sostegno alle Forze Armate e ai Servizi d’intelligence.

Dopo aver revocato il diritto a un seggio permanente nel Consiglio per la Sicurezza Nazionale al presidente dei capi di stato-maggiore e al direttore della CIA, Trump ha ordinato di cessare di sostenere gli jihadisti. Progressivamente, Al Qaeda e Daesh hanno perso terreno. Oggi questa politica prosegue con la revoca del sostegno agli jihadisti nel sud della Siria. Ormai gli jihadisti non dispongono più di eserciti privati, unicamente di gruppi sparpagliati, che usano per azioni terroristiche mirate.

Conformemente alla medesima linea di condotta, inizialmente Trump ha finto di rinunciare a sciogliere la NATO se questa avesse accettato di aggiungere alla propria funzione anti-Russia la funzione anti-terrorismo. Adesso il presidente USA sta cominciando a dimostrare alla NATO che i privilegi di cui gode non sono eterni; lo abbiamo visto infatti rifiutare la concessione di un visto speciale a un ex segretario generale. Soprattutto, Trump comincia a erodere la funzione anti-Russia della NATO: negozia con Mosca l’annullamento delle manovre dell’Alleanza in Europa dell’Est; chiede atti amministrativi che attestino il rifiuto degli alleati di contribuire alla difesa comune in proporzione ai loro mezzi. In sintesi, Trump si prepara a fare esplodere la NATO non appena se ne presenterà l’occasione.

Questo momento sopraggiungerà solo quando la destrutturazione delle relazioni internazionali arriverà simultaneamente a maturazione in Asia (Corea del Nord), nel Medio Oriente Allargato (Palestina e Iran) e in Europa (UE).

Quel che bisogna tenere presente:
-  Il presidente Trump non è affatto il personaggio “imprevedibile” che ci viene descritto. Al contrario, agisce in maniera riflessiva e logica.
-  Trump sta preparando una riorganizzazione delle relazioni internazionali. Questo cambiamento non può che passare da uno sconvolgimento completo e repentino, a danno degli interessi della classe dirigente transnazionale.

Traduzione
Rachele Marmetti
Il Cronista

Rete Voltaire

Voltaire, edizione internazionale

L’articolo è su licenza Creative Commons

Potete riprodurre liberamente gli articoli del Réseau Voltaire a condizione di citare la fonte, di non modificarli e di non usarli a scopi di lucro (licenza CC BY-NC-ND).

Sostenere Rete Voltaire

Visitate il sito dove troverete analisi approfondite che vi aiuteranno a comprendere la realtà. Per continuare questo lavoro, abbiamo bisogno della vostra participazione.
Aiutateci con un contributo.

Come partecipare alla Rete Voltaire?

Gli animatori del Réseau sono tutti volontari.
- Traduttori professionali: potete partecipare alla traduzione degli articoli.