Rete Voltaire

Le armi dei “ribelli” di Deraa

+

Il 3 luglio 2018 l’Esercito Arabo Siriano ha esposto gli stock delle armi sequestrate ai combattenti di Deraa.

Secondo la stampa occidentale, questi combattenti sono “ribelli” che lottano per la democrazia. Secondo i siriani sono invece jihadisti membri di Al Qaeda e di Daesh, sebbene alcuni di loro sostengano di essersi di recente uniti all’”Esercito Siriano Libero”. A Deraa era stata imposta la sharia.

Chiunque può constatare l’elevata qualità e l’abbondanza dell’equipaggiamento di questi combattenti.

Traduzione
Rachele Marmetti
Il Cronista

Rete Voltaire

Voltaire, edizione internazionale

L’articolo è su licenza Creative Commons

Potete riprodurre liberamente gli articoli del Réseau Voltaire a condizione di citare la fonte, di non modificarli e di non usarli a scopi di lucro (licenza CC BY-NC-ND).

Sostenere Rete Voltaire

Visitate il sito dove troverete analisi approfondite che vi aiuteranno a comprendere la realtà. Per continuare questo lavoro, abbiamo bisogno della vostra participazione.
Aiutateci con un contributo.

Come partecipare alla Rete Voltaire?

Gli animatori del Réseau sono tutti volontari.
- Traduttori professionali: potete partecipare alla traduzione degli articoli.