Rete Voltaire

Distruzione di un deposito d’armi a Damasco

+

Il 2 settembre 2018, alle ore 0.35 circa, la difesa antiaerea di Damasco è entrata in azione. Un missile nemico è comunque riuscito a colpire la base aerea militare di Al-Mazzeh (Damasco), causando un cortocircuito e il successivo incendio del deposito di munizioni. Per alcuni secondi si è potuta vedere una gigantesca fiamma innalzarsi all’orizzonte.

Oltre un migliaio di esplosioni, durate circa un’ora, hanno causato la completa distruzione del deposito e provocato circa 70 morti.

Durante la guerra in Siria, Israele è intervenuto numerose volte a sostegno degli jihadisti. Generalmente i suoi aerei lanciano missili dallo spazio aereo libanese, senza entrare in quello siriano, e prendono di mira obiettivi governativi.

La scorsa settimana Iran e Siria hanno firmato un trattato che prevede la collaborazione di ingegneri iraniani nella ricostruzione dell’industria bellica siriana.

La Repubblica Araba di Siria si sta preparando a liberare il governatorato d’Idleb, nel nord-ovest del Paese, dove sono raggruppati gli jihadisti.

Traduzione
Rachele Marmetti
Il Cronista

Rete Voltaire

Voltaire, edizione internazionale

L’articolo è su licenza Creative Commons

Potete riprodurre liberamente gli articoli del Réseau Voltaire a condizione di citare la fonte, di non modificarli e di non usarli a scopi di lucro (licenza CC BY-NC-ND).

Sostenere Rete Voltaire

Visitate il sito dove troverete analisi approfondite che vi aiuteranno a comprendere la realtà. Per continuare questo lavoro, abbiamo bisogno della vostra participazione.
Aiutateci con un contributo.

Come partecipare alla Rete Voltaire?

Gli animatori del Réseau sono tutti volontari.
- Traduttori professionali: potete partecipare alla traduzione degli articoli.