Rete Voltaire
Temi

11 settembre 2001

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
11 Settembre: gli statunitensi prigionieri delle loro menzogne Beirut (Libano) | 20 settembre 2009
Otto anni dopo gli attentati dell’11 settembre, Thierry Meyssan, che aveva avviato la sfida globale alla validità della versione di Bush dei fatti, riassume lo stato del dibattito per la nuova rivista russa Odnako.
Il dissidente francese denuncia la "cortina di ferro" che separa a i popoli della NATO dal resto del mondo. Sottoposti a un bombardamento mediatico, non sono a conoscenza dei dibattiti che si sviluppano fuori dall’Occidente e continuano a credere che la sfida del 11 settembre è limitata a pochi gruppi di attivisti.
Thierry Meyssan si interroga anche sull’ingenuità degli occidentali che credono a uno scenario infantile da fumetti americani, secondo cui venti fanatici avrebbero potuto colpire al cuore il più grande impero militare del (...)
 
 
 
 
Una conferenza del Prof. David Ray Griffin
Un nuovo sguardo sull’11 settembre
di David Ray Griffin
 
L'11 settembre 2001 : una provocazione mondiale Mosca (Russia) | 17 marzo 2009
Influente politologo russo uscito dagli ambienti nazionalisti, il Generale Leonid Ivashov era capo di stato maggiore nel periodo dell’11 settembre 2001. Quel giorno, egli aveva messa all’erta i suoi satelliti per osservare le manovre militari aeree annunciate negli USA, ma si trovò di fronte a tutt’altro spettacolo. Viste le analisi di quell’avvenimento effettuate dai suoi esperti, egli ha scartato l’ipotesi Al-Qaïda e ha concluso per una provocazione dell’elite finanziaria anglosassone. Su tale base, ha sviluppato la visione strategica russa del mondo post-11 settembre. In questa sede, riproduciamo uno dei suoi articoli, rappresentativo del suo pensiero e di quello degli ufficiali superiori russi. Il lettore sarà sorpreso nel constatare che ciò che nei paesi della NATO è considerato un delirio, è un’evidente verità in Russia come, del resto, in numerose altre regioni del mondo. Al di là della questione di stabilire la verità, l’onestà intellettuale esige di capire e di accettare la relatività (...)
 
 
11 settembre : L’incredibile menzogna
L’Impero e la menzogna
di Agence Cubaine de Nouvelles, Fidel Castro Ruz
 
 
 
 
 
 
'Ognuno puo' constatare che nessun Boeing si e' schiantato sul Pentagono' Parigi (Francia) | 26 maggio 2006
Il 16 maggio 2006, il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti ha reso pubblici due video, ripresi da telecamere di sorveglianza, che si ritiene mostrino un aereo schiantatosi sul Pentagono l’11 settembre 2001. La consegna ai media di questi documenti - che sono già stati diffusi in forma di immagini statiche l’8 marzo 2002 - ha luogo circa cinque anni dopo gli avvenimenti. In una dichiarazione fatta a Parigi, Thierry Meyssan considera questo gesto come un tentativo di disinnescare la polemica sugli attentati, che in questo periodo sta aumentando, negli Stati Uniti. L’autore de L’incredibile menzogna e di Pentagate si compiace della pubblicazione di questi video, ed invita ciascuno a constatare da sé che nessuna traccia di qualsivoglia Boeing 757-200 è osservabile nelle (...)
 
 



Gli articoli più popolari
11 settembre: scientificamente impossibile
11 settembre: scientificamente impossibile
L’US Army fallisce nell’elaborazione di una simulazione credibile dell’attentato del Pentagono
 
Le previsioni "inimmaginabili" della Rand Corporation
Le previsioni "inimmaginabili" della Rand Corporation
L’attacco contro il WTC era stato anticipato dalla Rand Corporation
 
Rumsfeld conosceva in anticipo i piani dell
Rumsfeld conosceva in anticipo i piani dell’11 settembre
L’atto fondatore del regime Bush
 
L
L’Impero e la menzogna
11 settembre : L’incredibile menzogna
 
Un nuovo sguardo sull
Un nuovo sguardo sull’11 settembre
Una conferenza del Prof. David Ray Griffin