JPEG - 29 Kb
Conferenza stampa dei dissidenti a Cuba, presso la residenza dell’incaricato d’affari degli Stati Uniti a L’Avana. (Da sinistra a destra: Manzano, Bonne, Roque e Roca).

L’opposizione cubana dispone di uno status speciale. Da un lato, è molto apprezzata dalla stampa occidentale. Infatti, nessun gruppo di dissidenti in America Latina, tranne forse l’opposizione venezuelana, gode di tale aura mediatica. Dall’altra parte, essa riceve finanziamenti enormi dagli Stati Uniti, di cui i media tacciono, e gode di una libertà d’azione che scandalizzerebbe i pubblici ministeri di tutto il mondo.

Il 21 giugno 2007, la Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti ha deciso di votare un bilancio di 45,7 milioni di dollari per il 2007-2008, presentato dal presidente Bush, destinato ai dissidenti cubani. Così, 254 delegati, di cui 66 Democratici, hanno sostenuto la strategia della Casa Bianca, volta a rovesciare il governo cubano. Il legislatore della Florida, Lincoln Diaz-Balart, un diretto discendente dell’ex dittatore Fulgencio Batista, ha accolto con favore tale aiuto. "Questa vittoria costituisce un sostegno all’opposizione politica interna" Cubana, ha detto. "L’assistenza ai dissidenti non è simbolica, ma concreta", ha aggiunto. Ha anche pubblicato una lettera da parte di alcuni importanti dissidenti cubani, che sostengono che gli aiuti degli Stati Uniti sono "vitali per la sopravvivenza di attivisti [1]”.

Per il periodo 2007-2008, l’Assemblea ha inoltre assegnato una somma di 33,5 milioni di dollari (6 milioni in più rispetto al 2006) a Radio e TV Martí. Questi due media statunitensi trasmettono illegalmente messaggi sovversivi nei confronti di Cuba, al fine di incitare la gente a rovesciare l’ordine costituito [2].

Quello stesso giorno, 21 giugno 2007, il capo della diplomazia degli Stati Uniti a L’Avana, Michael Parmly, ha ricevuto in pompa magna i celebri dissidenti René Gómez Manzano, Félix Bonne, Martha Beatriz Roque e Vladimiro Roca, nella sua sontuosa residenza personale. Questi ultimi erano venuti a ringraziare il loro apprezzato mecenate, per la sua generosità [3].

I media occidentali, pure così prolifici per quanto riguarda Cuba, sono rimasti stranamente in silenzio su questi due eventi. Le ragioni sono relativamente semplici. I personaggi che si sforzano di presentare da anni come attivisti coraggiosi, in cerca di democrazia, sono in realtà dei volgari mercenari che si vendono al miglior offerente. Il termine mercenario non è una parola fuori luogo o esagerata. Secondo il Littré, si tratta di coloro "che lavorano per soldi, di chi fa tutto ciò che desidera per soldi” [4]. Manzano, Good, Roque e Roca rientrano pienamente in questa definizione.

Eppure non vi è nulla di nuovo in tutto questo. Da decenni gli Stati Uniti cercano, con ogni mezzo, di creare e dirigere un’opposizione interna a Cuba, per liquidare il processo rivoluzionario cubano. Gli archivi americani sono eloquenti a questo proposito. Inoltre, molti documenti americani, ufficiali e pubblici, attestano una realtà che nessun analista politico e giornalista degno di questo nome può ignorare. La Legge Torricelli del 1992, in particolare il paragrafo 1705, afferma che "gli Stati Uniti forniranno assistenza alle organizzazioni non governative, per sostenere gli individui e le organizzazioni che promuovono un cambiamento democratico non violento a Cuba” [5]. La legge Helms-Burton del 1996 prevede, nell’articolo 109, che "Il presidente [Usa] è autorizzato a fornire assistenza e offrire sostegno alle persone e alle organizzazioni non governative indipendenti, per sostenere gli sforzi per costruire la democrazia a Cuba [6]”.

La prima relazione della Commissione di Aiuto ad una Cuba Libera, approvata il 6 Maggio 2004, prevede l’istituzione di un programma di "un solido programma di supporto alla promozione della società civile cubana". Tra le misure raccomandate, un finanziamento pari a 36 milioni di dollari, destinato a "sostenere l’opposizione democratica e il rafforzamento della società civile emergente [7].” La seconda relazione della stessa Commissione, pubblicata il 10 luglio 2006, fornisce anche un bilancio di 31 milioni di dollari per finanziare soprattutto l’opposizione interna [8].

Nel 2003, la giustizia cubana aveva condannato 75 persone, stipendiate dagli Stati Uniti, suscitando la condanna dei media internazionali. In qualsiasi altro paese al mondo, persone come Manzano, Good, Roque Roque, oggi si troverebbero dietro le sbarre [9]. Ricardo Alarcón, presidente della Assemblea Nazionale cubana ha messo in guardia i membri della "dissidenza", dicendo che coloro che cospirano con Washington e accettano i suoi emolumenti dovranno "pagarne le conseguenze [10].”

"Finché questa politica esisterà, ci saranno persone che si troveranno coinvolte [...]. Esse cospireranno con l’America del Nord [e] ne accetteranno il denaro. Questo è un crimine secondo il diritto cubano. Io non conosco alcun paese che non qualifichi tale attività come un crimine", ha sottolineato Alarcón. "Immaginate che qualcuno negli Stati Uniti sia sostenuto, addestrato, equipaggiato e consigliata do un governo straniero. Questo è un crimine in sé. Si tratta di un reato molto grave negli Stati Uniti, e che può costare molti anni di prigione, molto più di quanto si possa rischiare qui a Cuba", ha concluso [11].

È lo stesso in Francia, come prevede l’articolo 411-4 del codice penale, e un caso che si è verificato nel 2004, illustra in modo eloquente questa realtà. Il 28 Dicembre 2004, le autorità francesi hanno arrestato Philippe Brett e Philippe Evanno, due dipendenti del signor Julia. Avevano dato origine a un tentativo fallito per liberare i due ostaggi francesi in Iraq, Christian Chesnot e Georges Malbrunot, nel settembre 2004. Queste due persone sono state accusate di "intelligenza con una potenza straniera, tale da compromettere gli interessi fondamentali della nazione". Essi sono stati presentati ai giudici della lotta contro il terrorismo Jean-Louis Bruguiere e Marie-Antoinette Houyvet, che si occupano dei casi legati alla sicurezza dello Stato. Erano stati accusati di aver preso contatto con la resistenza irachena e di aver ricevuto assistenza logistica dalla Costa d’Avorio. Brett e Evanno erano passibili di dieci anni di carcere e di 150000 euro di multa. Il signor Julia è sfuggito alla giustizia attraverso la sua immunità parlamentare. La gravità delle accuse contro di loro non hanno suscitato alcuna emozione nella stampa occidentale [12].

La relazione del 2006 prevede anche 24 milioni di dollari aggiuntivi per Radio e TV Martí, per amplificarne la trasmissione dei programmi sovversivi a Cuba, in violazione del diritto internazionale. I membri della "dissidenza" cubana dispongono di parte di questo denaro, per acquistare e distribuire apparecchi radiofonici e televisivi per ricevere i programmi trasmessi dagli Stati Uniti. Altri paesi sono invitati a trasmissioni sovversive verso Cuba. La relazione prevede inoltre "la formazione e l’equipaggiamento di giornalisti indipendenti nella stampa, radio e televisione, a Cuba [13]”.

La stampa occidentale ha censurato questa realtà, aveva bollato le azioni delle autorità cubane, denunciando le sanzioni contro "gli attivisti pacifici e i giornalisti indipendenti". Secondo essa gli imputati sono stati puniti per aver apertamente espresso il loro disaccordo con la linea ufficiale e di aver pubblicato articoli diffamatori sulla stampa di estrema destra di Miami [14].

Soffermiamoci un attimo su queste accuse. I due cubani "dissidenti" che dispongono dell’influenza mediatica più grande a livello internazionale, che lanciano le invettive più aspre contro la Rivoluzione cubana e che godono del sostegno più marcato degli estremisti di origine cubana di Miami, sono Oswaldo Paya e Elizardo Sánchez [15]. Contro di loro, Raúl Rivero passa per un oppositore relativamente moderato e timido [16]. Ma era stato condannato a vent’anni di reclusione. Payá Sánchez non hanno avuto problemi con la legge, mentre i loro scritti politici sono molto più virulento di quelli di Rivero. La spiegazione è abbastanza semplice: Payá e Sánchez hanno finora rifiutato il finanziamento generosamente fornito da Washington, mentre Rivero ha commesso l’errore di approfittare della generosità della amministrazione Bush. E per questo motivo che è stato condannato, non per una produzione letteraria o politica presunte eterodosse.

Integrarsi nel mondo del "dissenso" è un mestiere redditizio. I benefici economici di questa professione sono coerenti e attizzano l’avidità di individui senza scrupoli. Le 75 persone condannate non esercitavano alcun lavoro e vivevano sugli emolumenti offerti da parte delle autorità degli Stati Uniti, in cambio del lavoro svolto. Gli stipendi notevoli, per il livello di vita della società cubana, hanno portato alcune persone ad accumulare fortune personali di discrete dimensioni, per un importo di 16000 dollari in contanti, mentre il salario medio è tra i quindici e i venti dollari al mese [17]. Conducevano così uno stile di vita ben superiore a quello dei cubani, e inoltre beneficiavano pure dei privilegi senza precedenti forniti dal sistema sociale cubano.

Per valutare correttamente l’importanza di una tale somma, ci si deve richiamare al valore dollaro a Cuba. Con l’equivalente di un dollaro, un cubano può permettersi di comprare centoquattro litri di latte, quarantacinque chili di riso, ventisei biglietti per le partite di baseball, tra cinque e ventisei posti in teatro o al cinema, 5200 kilowatt di energia elettrica o cinque corsi televisivi d’inglese, di centosessanta ore ciascuno. Tutti gli altri prodotti alimentari di base (pane, fagioli, olio) sono nello stesso ordine di prezzi. A ciò si aggiungano i servizi educativi e sanitari gratuiti. Dato che l’85% dei cubani è proprietario dei loro alloggi, non pagano affitto. Inoltre, l’imposta non esiste a Cuba. Altra cosa unica al mondo: le medicine acquistate nelle farmacie oggi, costano due volte meno di quelle che venivano acquistate cinquanta anni fa [18]. Tutti ciò è possibile grazie alle sovvenzioni concesse annualmente dallo Stato cubano, così diffamato dai dissidenti stessi che non mancano di approfittare delle favorevoli condizioni di vita offerte dalla società cubana.

Dopo l’intervento diplomatico della Spagna, diversi detenuti dal marzo 2003, compresi Raúl Rivero, sono stati liberati alla fine del novembre 2004, per motivi umanitari [19]. Va notato che Rivero ha beneficiato della mediatizzazione internazionale solo perché era con Oscar Elias Biscet, l’unica persona in carcere su 75 che ha effettivamente lavorato come giornalista. Il suo caso è interessante in quanto mette in luce la portata della campagna di disinformazione lanciata contro Cuba. In un’intervista con Reporters Sans Frontières, Blanca Reyes, moglie di Rivero, ha detto che era in "disumane e inaccettabili condizioni di detenzione". Ha aggiunto, nella stessa occasione, che aveva perso quaranta 19,5 kg di peso. "[E’] affamato. Voglio fare sapere alla gente [che] Raúl Rivero soffre la fame", ha lamentato in un impeto melodrammatico di circostanza [20]. Questa informazione è stata ripresa in grande pompa da tutta la stampa internazionale.

Tuttavia, una volta liberato dal carcere, Rivero è apparso in ottima salute, con un sovrappeso significativo, come illustra la foto ripresa dalla stampa e come non hanno mai cessato di proclamare le autorità cubane [21]. Mentre Washington e i suoi relè denunciato con notevole copertura mediatica le "condizioni di vita terribili" dei detenuti, Rivero stesso ha confessato di aver avuto libero accesso alla lettura e con entusiasmo ha divorato l’ultimo romanzo dello scrittore colombiano Gabriel García Márquez, Historias de mis putas tristes, un’opera difficile da trovare nelle librerie francesi, al momento [22]. Rivero non ha vissuto in un albergo a quattro stelle, certo, ma non in un gulag "tropicale", come alle anime belle piace chiamare le prigioni cubane, come se i penitenziari del resto del mondo siano dei resort [23].

Senza dubbio, la prigione di Abu Ghraib in Iraq, dove la tortura di prigionieri di guerra è stata istituzionalizzata da Washington, sono più comode. Che dire delle celle di Guantanamo, zona senza legge dove la tortura applicata ai prigionieri è tale che molti tentativi di suicidio si sono verificati presso persone assai devote, nonostante il fatto che porre fine alla propria vita sia il peccato peggiore [24]? In ogni caso, pochissimi reclusi possono vantare di avere accesso all’ultimo romanzo di García Márquez, prima ancora di qualche libreria specializzata europea.

JPEG - 19.5 Kb
Armando Valladares, ex-poeta ed ex-paralitico, è ora anche ex-presidente della Human Rights Foundation, da cui si è dimesso per sostener i golpisti honduregni.

La storia di Armando Valladares, il poeta "paralitico condannato per reati di opinione", secondo la propaganda di Washington, è istruttiva. Arrestato nel 1960 per terrorismo, questo ex poliziotto della dittatura di Batista, ricevette il sostegno di una vasta campagna internazionale lanciata dall’estrema destra cubana della Florida, negli anni ’80. Dopo le trattative condotte dal governo francese di François Mitterrand, sotto gli auspici di Regis Debray, il prigioniero è stato liberato e ha perso, al tempo stesso, il suo talento sia di poeta che la sua emiplegia. Al contrario, ha conservati con cura le sue doti di attore e, dopo aver ottenuto la cittadinanza americana, si arruolò nel governo di Ronald Reagan, diventando ambasciatore alle Nazioni Unite. Seccato, Regis Debray ha scritto nel suo libro Les Masques: "l’uomo non era un poeta, il poeta non era paralizzato e adesso il cubano è un americano [25].”

Luis Ortega Sierra è un giornalista cubano, che andò in esilio negli Stati Uniti nel 1959, al trionfo della Rivoluzione. Si tratta di un fiero oppositore del governo di L’Avana, come illustrato dai suoi scritti. Era legato all’ex dittatore cubano Fulgencio Batista, che finanziava le sue attività. In una lettera del 22 settembre 1961 all’ex uomo forte di Cuba, Ortega aveva espresso la sua "simpatia" e "ammirazione" per lui [26].

A proposito di dissidenti cubani, Ortega ha detto la cosa seguente:

“I dissidenti a Cuba sono persone senza importanza politica, e tutti sono d’accordo, anche quelli che vivono a loro spese. Sono dei burattini della mafia di Miami. Sono al servizio della Sezione d’Interessi degli Stati Uniti che li sballotta da un posto all’altro [...]. Si tratta di persone che ricevono uno stipendio e l’orientamento ideologico dal governo americano. Non è un segreto per nessuno. È il governo degli Stati Uniti che concede il denaro per finanziare le attività di questi signori sull’isola. Pensare che questo elemento possa essere un potente movimento di opposizione al governo, è un errore [27].”

Se l’Iran o la Cina finanziassero i dissidenti negli Stati Uniti, Regno Unito o Francia, questi ultimi cadrebbero immediatamente sotto i colpi della legge. Se i media occidentali fossero intellettualmente liberi, userebbero solo un unico termine per riferirsi a coloro che si presentano come oppositori del governo cubano: mercenari.

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Questo articolo è estratto da Cuba. Ce que les médias ne vous diront jamais.
Prologo di Nelson Mandela. Paris, Editions Estrella, 2009 (300 pagine, 18 €)
Per ordinare, si prega di contattare l’autore: [email protected]

[1] Wilfredo Cancio Isla, «La Cámara da sólido apoyo a la democracia en Cuba», El Nuevo Herald, 22 giugno 2007.

[2] Ibid.

[3] Andrea Rodriguez, «Disidentes cubanos usan casa de diplomático de EEUU», The Associated Press, 21 giugno 2007.

[4] Le Littré, V. 1.3.

[5] Cuban Democracy Act, Titre XVII, Section 1705, 1992.

[6] Helms-Burton Act, Titre I, Section 109, 1996.

[7] Colin L. Powell, Commission for Assistance to a Free Cuba, (Washington: United States Department of State, maggio 2004) pp. 16, 22.

[8] Condolezza Rice & Carlos Gutierrez, Commission for Assistance to a Free Cuba, (Washington: United States Department of State, luglio 2006), p. 20.

[9] Salim Lamrani, Fidel Castro, Cuba et les Etats-Unis (Pantin: Le Temps des Cerises, 2006).

[10] BBC, «Cuba Warns Dissidents Over US Aid», 12 luglio 2006.

[11] Ibidem.

[12] Salim Lamrani, Fidel Castro, Cuba et les Etats-Unis, op. cit.

[13] Condolezza Rice & Carlos Gutierrez, op cit., p. 22.

[14] Reporters sans frontières, "Un anno dopo l’arresto di 75 dissidenti, Reporters sans frontières mobilita l’Europa contro la repressione a Cuba", 18 marzo 2004.

[15] Oswaldo Paya, «Mensaje de Oswaldo Paya Sardiñas a Vaclav Havel, Presidente de la República checa en su visita a la ciudad de Miami, Florida», 7 ottobre 2004.

[16] Raúl Rivero, «El cartel del queso blanco», Luz Cubana, gennaio/febbraio 2003, n. 1: 9-10.

[17] Felipe Pérez Roque, «Conferencia a la prensa nacional y extranjera», MINREX, 25 marzo 2004 : 5-7.

[18] Governo Rivoluzionario di Cuba, "Documenti", Aprile 18, 2003. (sito consultato il 2 dicembre 2004).

[19] Andrea Rodríguez, «En libertad el poeta y disidente cubano Raúl Rivero», El Nuevo Herald, 30 novembre 2004.

[20] Reporters sans frontières, «La mujer del periodista encarcelado Raúl Rivero denuncia unas condiciones de detención ’inaceptables’», 5 agosto 2003.

[21] Nancy San Martin, «Cubans Tell Rivero to Consider Leaving», The Miami Herald, 1 dicembre 2004.

[22] Wilfredo Cancio Isla, «Un símbolo en libertad», El Nuevo Herald, 1 dicembre 2004.

[23] Olivier Languepin, «Dans les prisons de Castro», Le Monde, 31 dicembre 2004.

[24] Robert Scheer, «A Devil’s Island for Our Times», Los Angeles Times, 28 dicembre 2004.

[25] Gianni Miná, Un Encuentro con Fidel (La Havana: Oficina de Publicaciones del Consejo de Estado, 1987), pp. 43-60; Jean-Marc Pillas, Nos Agents à La Havane. Comment les Cubains ont ridiculisé la CIA (Paris: Albin Michel, 1995), pp. 145-51.

[26] Ivette Leyva Martínez, «Despierta singular interés vida y obra de Batista», El Nuevo Herald, 3 maggio 2008.

[27] Luis Ortega Sierra, «Fidel rebasó la historia», in Luis Báez, Los que se fueron (La Havana: Casa Editora Abril, 2008), p. 221.