Rete Voltaire

Yildrim: il PKK è manipolato dalla Gladio

+

Huseyin Yildirim, numero 2 del PKK (Partito dei lavoratori del Kurdistan), era conosciuto per i suoi stretti legami con l’Unione Sovietica. È intervenuto nei media per deplorare la posizione del Partito per la Pace e la Democrazia (BDP), il principale politico curdo legale, di non partecipare al referendum del 12 settembre. A suo avviso, la riforma costituzionale proposta dal governo di Erdogan, anche se insufficiente, è positiva. Può permettere di finirla con una costituzione scritta col golpe militare del 1980.

Per Huseyin Yildirim, l’errore del BDP si spiega con l’influenza del PKK, che non è più il difensore del popolo curdo, ma uno strumento manipolato dai militari turchi e dalla NATO.

In un’intervista, il 28 Luglio 2010, ha dichiarato che il PKK è controllato dal suo storico leader Abdullah Ocalan dalla sua c prigione, e Ocalan è controllata dallo stato profondo, la Gladio.

Secondo Yildirim, Ocalan ha concluso un accordo con i servizi segreti della NATO, dopo il suo rapimento a Nairobi, nel 1999. I combattenti del PKK sono stati trasferiti nella no-fly zone dell’Iraq controllata dagli Stati Uniti e dal Regno Unito, e solo 500 uomini sarebbero rimasti in Turchia. Sarebbero stati successivamente utilizzati per alimentare la strategia della tensione e giustificare gli eccessivi poteri dell’esercito.

Sempre secondo Yildirim, Semdin Sakik e Selim Churukkaya, gli attuali leader ufficiali del PKK, sarebbero agenti della Gladio.

Abdullah Ocalan è l’unico prigioniero detenuto sull’isola di Imrali, una base militare con un migliaio di uomini per sorvegliarlo. È stato condannato a morte e la sua pena fu commutata in ergastolo. Secondo le fonti, è soggetto a un regime severo o, al contrario, dispone dei mezzi per guidare la sua organizzazione.

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Rete Voltaire

Voltaire, edizione internazionale

L’articolo è su licenza Creative Commons

Potete riprodurre liberamente gli articoli del Réseau Voltaire a condizione di citare la fonte, di non modificarli e di non usarli a scopi di lucro (licenza CC BY-NC-ND).

Sostenere Rete Voltaire

Visitate il sito dove troverete analisi approfondite che vi aiuteranno a comprendere la realtà. Per continuare questo lavoro, abbiamo bisogno della vostra participazione.
Aiutateci con un contributo.

Come partecipare alla Rete Voltaire?

Gli animatori del Réseau sono tutti volontari.
- Traduttori professionali: potete partecipare alla traduzione degli articoli.

La Francia nell'ingranaggio
“Sotto i nostri occhi” (10/25)
La Francia nell’ingranaggio
di Thierry Meyssan
La Francia manipolata
“Sotto i nostri occhi” (9/25)
La Francia manipolata
di Thierry Meyssan
L'uso militare nascosto della tecnologia 5G
L’uso militare nascosto della tecnologia 5G
di Manlio Dinucci, Rete Voltaire
 
 Summit Nato, si rafforza il partito della guerra
Summit Nato, si rafforza il partito della guerra
di Manlio Dinucci, Rete Voltaire
 
Il Summit lancia la Nato nello spazio, costi alle stelle
Il Summit lancia la Nato nello spazio, costi alle stelle
di Manlio Dinucci, Rete Voltaire
 
Multilateralismo o Diritto Internazionale?
Multilateralismo o Diritto Internazionale?
di Thierry Meyssan, Rete Voltaire
 
L'agonia della politica estera francese
“Sotto i nostri occhi” (8/25)
L’agonia della politica estera francese
di Thierry Meyssan, Rete Voltaire
 
L'Italia in prima linea nella «guerra dei droni»
Atterra a Sigonella il primo drone Nato
L’Italia in prima linea nella «guerra dei droni»
di Manlio Dinucci, Rete Voltaire