Rete Voltaire

Facebook censura le pagine che fanno appello alla rivolta in Palestina

+

Il boss di Facebook, Mark Zuckerberg (nella foto) ha ordinato la cancellazione degli account e delle pagine del suo social network che facevano appello alla rivolta in Palestina, 15 maggio prossimo, anniversario della Nakba.

Dal 6 marzo, varie pagine di Facebook hanno fato appello alla terza Intifada. Hanno raccolto fino a mezzo milione di utenti.

La decisione di Facebook è stata presa su richiesta delle autorità israeliane.

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Rete Voltaire

Voltaire, edizione internazionale

L’articolo è su licenza Creative Commons

Potete riprodurre liberamente gli articoli del Réseau Voltaire a condizione di citare la fonte, di non modificarli e di non usarli a scopi di lucro (licenza CC BY-NC-ND).

Sostenere Rete Voltaire

Visitate il sito dove troverete analisi approfondite che vi aiuteranno a comprendere la realtà. Per continuare questo lavoro, abbiamo bisogno della vostra participazione.
Aiutateci con un contributo.

Come partecipare alla Rete Voltaire?

Gli animatori del Réseau sono tutti volontari.
- Traduttori professionali: potete partecipare alla traduzione degli articoli.