Rete Voltaire

Erdogan presenta le scuse della Turchia per il massacro di Dersim

+

Un incidente aspro al Parlamento turco ha opposto il primo ministro, Recep Tayyip Erdogan, al leader del Partito del Popolo Repubblicano (Cumhuriyet Halk Partisi, CHP) Kemal Kiliçdaroglu sul massacro di Dersim.

Nel 1937, i kemalisti soppressero nel sangue la rivolta dei curdi alawiti nella provincia di Dersim (rinominata Tunceli). Secondo un libro del defunto Necip Fazil Kisakürek, brandito dal Primo Ministro, 13.806 civili furono giustiziati durante il massacro, e oltre 70.000 altri morirono durante varie operazioni di repressione.

In definitiva, la direzione regionale del CHP ha anch’essa chiesto scusa, ma la dirigenza nazionale ha accusato Erdogan di preparare la partizione del paese. Il CHP è la continuazione del partito kemalista responsabile della repressione.

Da parte sua, il partito curdo della democrazia e della pace, ha chiesto che l’Aeroporto Sabiha Gokcen di Istanbul sia rinominato Seyyid Riza.

Figlia di Ataturk, Sabiha Gökçen era un pilota e aveva partecipato al bombardamento di Dersim. Seyyid Riza, invece, era il leader della ribellione.

Il riconoscimento del massacro di Dersim segue un ampio giro di vite, in cui la polizia turca ha arrestato una cinquantina di leader kurdi.

Reagendo al nuovo giro di vite, il Vice Presidente del partito curdo della democrazia e della pace, Coltane Kachanak ha detto che "Erdogan pagherà un prezzo pesante, e la sua fine sarà simile a quella del presidente egiziano Hosni Mubarak."

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Rete Voltaire

Voltaire, edizione internazionale

L’articolo è su licenza Creative Commons

Potete riprodurre liberamente gli articoli del Réseau Voltaire a condizione di citare la fonte, di non modificarli e di non usarli a scopi di lucro (licenza CC BY-NC-ND).

Sostenere Rete Voltaire

Visitate il sito dove troverete analisi approfondite che vi aiuteranno a comprendere la realtà. Per continuare questo lavoro, abbiamo bisogno della vostra participazione.
Aiutateci con un contributo.

Come partecipare alla Rete Voltaire?

Gli animatori del Réseau sono tutti volontari.
- Traduttori professionali: potete partecipare alla traduzione degli articoli.