Rete Voltaire

Iran: l’assassinio di Ahmadi Roshan suscita 1000 vocazioni

+

Secondo il Ministro della Scienza e della Tecnologia, Kamran Daneshjo, molti giovani studiosi iraniani hanno chiesto di cambiare corso di studi in risposta all’assassinio di un loro scienziato.
Mostafa Ahmadi Roshan, 32 anni, è stato ucciso l’11 gennaio quando una bomba è stata piazzata con un magnete sull’auto con cui era con altri due passeggeri.
Lavorava al programma di arricchimento dell’uranio del sito a Natanz, e si è formato presso l’Università Sharif di Tehran, l’università scientifica più famosa del paese.
Dal gennaio 2010, tre scienziati iraniani sono stati uccisi, tra cui due che lavoravano al programma nucleare del paese.
L’attuale capo dell’Agenzia iraniana per l’energia atomica, Fereydoon Abbasi, è stato anche lui bersaglio di un attacco simile nel 2010, a cui è sfuggito.
Una indagine del Sunday Times ha rivelato che agenti del Mossad israeliano sono responsabili dell’assassinio dello scienziato iraniano.
Ad oggi oltre 300 studenti dell’università Sharif e circa un migliaio di studenti in tutto il paese, hanno chiesto di cambiare il loro corso di studi e iniziare un corso di studi in fisica nucleare e ingegneria nucleare.

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Rete Voltaire

Voltaire, edizione internazionale

L’articolo è su licenza Creative Commons

Potete riprodurre liberamente gli articoli del Réseau Voltaire a condizione di citare la fonte, di non modificarli e di non usarli a scopi di lucro (licenza CC BY-NC-ND).

Sostenere Rete Voltaire

Visitate il sito dove troverete analisi approfondite che vi aiuteranno a comprendere la realtà. Per continuare questo lavoro, abbiamo bisogno della vostra participazione.
Aiutateci con un contributo.

Come partecipare alla Rete Voltaire?

Gli animatori del Réseau sono tutti volontari.
- Traduttori professionali: potete partecipare alla traduzione degli articoli.