Il Dipartimento di Stato si è opposto a una legge del Senato degli Stati Uniti che fissa un numero limitato di palestinesi con la qualifica di "rifugiati". Considerando che non si possono pregiudicare le decisioni che appartengono solo ai negoziatori palestinesi e israeliani, l’Assistente Segretario di Stato Thomas R. Nides ha evocato in una lettera datata 24 maggio 2012, l’esistenza di circa 5 milioni di rifugiati palestinesi assistiti dall’UNRWA.

In tal modo il Dipartimento di Stato rompe un tabù di sessantaquattro anni! Riconosce che, in assenza del regolamento della questione palestinese, lo status di rifugiato non si applica solo ai palestinesi espulsi dalle loro case nel 1948 (circa 750.000) e nel 1967, ma ai loro discendenti, senza limite di generazione.

In altre parole, l’amministrazione Obama riconosce che 5 milioni di palestinesi hanno il diritto inalienabile di ritornare, come definito dal diritto internazionale; una precisazione che è destinato a fare pressione sul governo Netanyahu.

Documenti allegati

Traduzione di Alessandro Lattanzio