Rete Voltaire

Vladimir Putin propone una forza di peacekeeping della CSTO

+

Il Presidente della Federazione Russa, Vladimir V. Putin ha intenzione di schierare una forza di pace in Siria per impedire una possibile guerra civile [1].

Putin ha chiesto al Segretario generale dell’Organizzazione degli Trattato di Sicurezza Collettiva (CSTO), Nikolaj Bordjuzha, di avanzare una proposta in tal senso. Questa iniziativa pacifica si oppone al programma occidentale di un intervento militare della NATO.

Bordjuzha ha subito indicato che la CSTO è in grado di schierare in Siria, senza indugio, una forza ben addestrata di di 20.000 "colbacchi blu." La CSTO è costituita da Russia, Bielorussia, Armenia, Kazakistan, Kirghizistan, Uzbekistan e Tagikistan.

Questa forza dovrebbe acere il compito di mediare tra l’esercito nazionale e l’opposizione armata ... e di arrestare i combattenti stranieri.

La rappresentante permanente degli Stati Uniti al Consiglio di Sicurezza, Susan Rice, ha sollevato la possibilità che la NATO intervenga militarmente in Siria senza mandato delle Nazioni Unite. Vladimir Putin non ha indicato se la forza di peacekeeping della CSTO agirebbe sotto o senza mandato del Consiglio di sicurezza.

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Rete Voltaire

Voltaire, edizione internazionale

L’articolo è su licenza Creative Commons

Potete riprodurre liberamente gli articoli del Réseau Voltaire a condizione di citare la fonte, di non modificarli e di non usarli a scopi di lucro (licenza CC BY-NC-ND).

Sostenere Rete Voltaire

Visitate il sito dove troverete analisi approfondite che vi aiuteranno a comprendere la realtà. Per continuare questo lavoro, abbiamo bisogno della vostra participazione.
Aiutateci con un contributo.

Come partecipare alla Rete Voltaire?

Gli animatori del Réseau sono tutti volontari.
- Traduttori professionali: potete partecipare alla traduzione degli articoli.