Rete Voltaire
«Sotto i nostri occhi»

L’Occidente e l’apologia del terrorismo

Questa nuova rubrica di Thierry Meyssan è dedicata all’analisi e al commento di una dichiarazione ufficiale o di un documento di attualità. Da sempre attento ai silenzi tanto quanto alle parole, ha considerato in questa settimana il rovesciamento della dottrina occidentale contro il terrorismo.

| Damasco (Siria)
+
JPEG - 32 Kb

Il Consiglio di Sicurezza si è riunito poco dopo l’attentato del 18 luglio che ha decapitato il comando delle forze di sicurezza siriane. Certo, le due sessioni che sono seguite si sono incentrate sulle proposte di risoluzione dell’Occidente e della Russia. Tuttavia, spettava al Consiglio di condannare il principio dell’azione terroristica, come fa sempre in simili circostanze. L’uso è quello di adottare una dichiarazione unanime e farla leggere dal Presidente in carica del Consiglio, in questo caso il colombiano Nestor Osorio. La cortesia richiede che si presentino le proprie condoglianze allo Stato membro che è stato appena colpito.

Ma il Consiglio è rimasto in silenzio. Gli occidentali hanno rifiutato di applicare in Siria uno dei principi fondamentali delle relazioni internazionali: la condanna del terrorismo. Peggio ancora, nelle loro rispettive dichiarazioni, i leader tedeschi, britannici, americani e francesi hanno condannato le vittime, le hanno presentate come responsabili delle violenze di cui erano oggetto, e hanno riaffermato il loro sostegno a coloro che hanno perpetrato l’attentato. E inoltre, i media occidentali si sono impegnati a sporcare la memoria delle vittime, come se le loro morti non fossero state sufficienti a soddisfare la loro sete di sangue siriano.

Nessuno dubita che il terrorismo in Siria è sponsorizzato dalla NATO dal CCG, ma fino ad ora questo è stato fatto in totale ipocrisia. Non potendo bombardare e radere al suolo il paese a causa del doppio veto russo e cinese, gli occidentali e i loro partner arabi facevano versare il sangue del paese in attesa di farlo attaccare da mercenari. Ci fu sicuramente l’episodio del 12 febbraio: la chiamata alla jihad di Ayman al-Zawahiri. Di colpo, la NATO, il CCG e al-Qa’ida perseguivano lo stesso obiettivo. Tuttavia, si rimarcava a Bruxelles, le dichiarazioni dello sceicco egiziano non impegnano che lui, non valgono la pena di essere commentate, e la NATO non rivedrà le sue posizioni in base a queste fatwa. Questo ragionamento non era convincente, perché eludeva la questione degli obiettivi comuni degli auto-proclamati paladini della democrazia da un lato e dell’islamismo dall’altro, ma le apparenze erano salve. Questa volta è diverso. Occidentali garantiscono i loro legami con i terroristi.

La svolta si è adempiuta alla terza conferenza degli «Amici» del popolo siriano a Parigi, il 6 luglio. Il presidente François Hollande aveva concesso un posto d’onore a individui pagati fin lì molto in segreto, avendo cura di negare di conoscerli. Aveva elevato dei criminali di guerra al rango di eroi senza causare nausea nei suoi partner stranieri.

Senza attendere al-Qa’ida sia invitata a una futura conferenza degli «Amici» del popolo siriano, il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov, ha espresso sorpresa per questo comportamento: «Vuol dire che [gli occidentali] continuaranno a sostenere questo genere di attacchi terroristici fino a quando il Consiglio di Sicurezza soddisferà le [loro] esigenze. Si tratta di una posizione terrificante.» E ha così continuato: «Non sappiamo come dobbiamo prendere la faccenda.»

Infatti, al di là della questione morale, cosa significa questo cambiamento di dottrina? Per un decennio, gli Occidentali si presentavano come paladini della "guerra al terrorismo", e ora rivendicano il loro sostegno ai terroristi.

Molti autori, tra cui strateghi americani come Zbigniew Brzezinski, hanno sottolineato che la nozione di "guerra al terrorismo" è un concetto assurdo. È possibile condurre una guerra contro i terroristi, non contro la loro strategia. In ogni caso, questo slogan di marketing ha avuto il doppio vantaggio di mettere alcuni stati a lato del Bene e giustificare la loro «guerra infinita» contro tutti gli altri.

Il terrorismo è un metodo di combattimento asimmetrico che viene sempre utilizzato per impostazione predefinita. Si può indebolire un avversario, ma è insufficiente per ottenere una vittoria militare e porta sempre a una sconfitta politica. Priva a lungo chi ne fa uso della prospettiva di esercitare il potere. Il terrorismo è un metodo immorale che non si utilizza dunque se non quando si è in una posizione di debolezza, non per ottenere un vantaggio, ma per guadagnare tempo, in attesa di essere in grado di prodursi in un combattimento convenzionale.

Da ciò lo sconcerto di Sergey Lavrov. Gli Occidentali stanno cercando di riconoscere insieme la loro immoralità e la loro impotenza? Cosa c’è dietro il loro comportamento? Oppure potrebbe essere che il loro declino sia molto più avanzato di quanto non osiamo concepire?

Tutti capiscono che la crisi siriana non è, o non è più un confronto interno, ma il risultato di un riallineamento dei rapporti di forza mondiali. Washington sta cercando di continuare a rimodellare il Medio Oriente e cambiare l’equazione militare regionale. Mosca contesta la sua autorità e cerca di stabilire un nuovo ordine internazionale fondato sul diritto e il multilateralismo. La Siria è l’area di contesa tra i nuovi blocchi.

La geofisica ci ha insegnato che la tettonica a zolle provoca i terremoti. La geopolitica ha i suoi. I pubblicitari del sedicente Esercito "siriano" libero hanno avuto il torto di evocare questa immagine. I due blocchi si sono urtati in Siria, ma è la placca occidentale che ha cominciato a scivolare sotto la placca eurasiatica piastra a scomparire, e non viceversa.

Sergey Lavrov vede Washington come un paziente in fin di vita. Sapendo che «gli imperi non muoiono nel loro letto», cerca di calmare «l’impero americano» per evitargli un attacco di follia, mentre lo conduce delicatamente al cimitero dove riposerà. Osserva il paziente con prudenza. La glorificazione del terrorismo è un sintomo di una crisi di demenza precoce, o di un’anemia irreversibile?

Fonte
Megachip-Globalist (Italia)

http://www.megachip.info/tematiche/...

L’articolo è su licenza Creative Commons

Potete riprodurre liberamente gli articoli del Réseau Voltaire a condizione di citare la fonte, di non modificarli e di non usarli a scopi di lucro (licenza CC BY-NC-ND).

Sostenere Rete Voltaire

Visitate il sito dove troverete analisi approfondite che vi aiuteranno a comprendere la realtà. Per continuare questo lavoro, abbiamo bisogno della vostra participazione.
Aiutateci con un contributo.

Come partecipare alla Rete Voltaire?

Gli animatori del Réseau sono tutti volontari.
- Traduttori professionali: potete partecipare alla traduzione degli articoli.