Rete Voltaire

Jihadisti garantiscono i servizi di sicurezza delle manifestazioni a Kiev

+

Oltre una settimana di imponenti manifestazioni a Kiev, cercando di costringere il governo a riconsiderare la sua decisione di non firmare l’accordo di associazione con l’Unione europea. In realtà, l’Ucraina è storicamente divisa tra due popolazioni: l’occidentale pro-UE e l’orientale filo-russa. E’ su questa divisione che prosperÚ la "rivoluzione arancione" che i manifestanti cercano di ripetere.

Il servizio d’ordine di queste manifestazione proviene da un gruppo di giovani tartari della Crimea. Sono membri del movimento Azatlyk (Libertà) di Nail Nabiullin e sostengono la grande Turchia. Sono inoltre ben supportati dai partiti trotskisti, tra cui il Fronte di Sinistra di Sergej Udaltsov e dal governo turco di Recep Tayyip Erdogan.

Sono appena rientrati dalla Siria attraverso la Turchia, dove si erano recati per attuare la jihad contro lo Stato siriano. Sembrano responsabili delle provocazioni che hanno portato agli eccessi della polizia antisommossa.

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Rete Voltaire

Voltaire, edizione internazionale

L’articolo è su licenza Creative Commons

Potete riprodurre liberamente gli articoli del Réseau Voltaire a condizione di citare la fonte, di non modificarli e di non usarli a scopi di lucro (licenza CC BY-NC-ND).

Sostenere Rete Voltaire

Visitate il sito dove troverete analisi approfondite che vi aiuteranno a comprendere la realtà. Per continuare questo lavoro, abbiamo bisogno della vostra participazione.
Aiutateci con un contributo.

Come partecipare alla Rete Voltaire?

Gli animatori del Réseau sono tutti volontari.
- Traduttori professionali: potete partecipare alla traduzione degli articoli.