Rete Voltaire

La Commissione europea si prende i beni siriani congelati

+

La Commissione europea ha annunciato di "liberare" i beni congelati siriani per finanziare la distruzione delle armi chimiche siriane.

Tale decisione unilaterale viola la risoluzione dell’OPAC, adottata il 15 novembre 2013, specificando l’incapacità finanziaria della Siria a pagare tale distruzione e creando un apposito fondo internazionale.

Reagendo a tale misura, il governo siriano ha condannato il furto dei beni del popolo siriano. Ha inoltre ricordato che i governi membri dell’Unione europea hanno e continuano a finanziare il terrorismo in Siria, in violazione delle pertinenti risoluzioni delle Nazioni Unite. Inoltre, gli Stati membri dell’UE hanno illegalmente acquistato petrolio siriano sottratto dai Contras a spese del popolo siriano.

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Rete Voltaire

Voltaire, edizione internazionale

L’articolo è su licenza Creative Commons

Potete riprodurre liberamente gli articoli del Réseau Voltaire a condizione di citare la fonte, di non modificarli e di non usarli a scopi di lucro (licenza CC BY-NC-ND).

Sostenere Rete Voltaire

Visitate il sito dove troverete analisi approfondite che vi aiuteranno a comprendere la realtà. Per continuare questo lavoro, abbiamo bisogno della vostra participazione.
Aiutateci con un contributo.

Come partecipare alla Rete Voltaire?

Gli animatori del Réseau sono tutti volontari.
- Traduttori professionali: potete partecipare alla traduzione degli articoli.