Rete Voltaire

I curdi siriani negano di aver ricevuto armi dai curdi iracheni

+

Il governo regionale del Kurdistan iracheno ha detto di aver inviato armi ai fratelli siriani, assediati dall’Emirato islamico a Kobané. Il convoglio comprendeva munizioni per armi portatili e mortai.

Tuttavia, il capo delle operazioni Hamid Darbandi ha rifiutato di rivelare in che modo è stato inviato l’aiuto.

Il 14 ottobre, il portavoce dei curdi in Siria, Alan Othman, ha detto via Skype che il carico non era ancora arrivato. Il capo del Consiglio di Difesa di Kobané, Ismat al-Shayq, ha detto: "Non abbiamo ricevuto un solo proiettile". Alan Othman ha detto che, in ogni caso, il regalo del Governo Regionale del Kurdistan iracheno era "puramente simbolico" e non poteva essere consegnato perché il governo turco si oppone.

Ankara accusa i curdi siriani di sostenere "Bashar" e il PKK. Pertanto, si rifiuta di fa passare gli aiuti. Le proteste si moltiplicano in Turchia, dove la repressione ha ucciso 42 persone.

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Rete Voltaire

Voltaire, edizione internazionale

L’articolo è su licenza Creative Commons

Potete riprodurre liberamente gli articoli del Réseau Voltaire a condizione di citare la fonte, di non modificarli e di non usarli a scopi di lucro (licenza CC BY-NC-ND).

Sostenere Rete Voltaire

Visitate il sito dove troverete analisi approfondite che vi aiuteranno a comprendere la realtà. Per continuare questo lavoro, abbiamo bisogno della vostra participazione.
Aiutateci con un contributo.

Come partecipare alla Rete Voltaire?

Gli animatori del Réseau sono tutti volontari.
- Traduttori professionali: potete partecipare alla traduzione degli articoli.