Diversi media, anche di Stati Uniti e Francia, hanno fortemente contestato l’articolo di Thierry Meyssan sul rapporto tra John McCain e l’Emirato islamico ("Daash") [1]. Tutti dicevano di aver identificato e perfino conoscere la persona indicata nella fotografia della riunione del senatore con lo stato maggiore dell’ELS nel maggio 2013, smentendo che fosse il califfo Ibrahim.

Non discuteremo degli articoli dei colleghi che non sono verificabili e ci limitiamo a sottolineare che ognuno ha individuato un interlocutore diverso di John McCain, ma con molta certezza.

Inoltre, questa polemica non ha ragione di essere perché il suo unico interesse è se John McCain abbia incontrato i capi di gruppi classificati "terroristi" dalle Nazioni Unite e dal suo Paese, tra cui i capi del Daash. Tuttavia, ha già risposto a questa domanda. Presentiamo un’intervista a John McCain di Greta Van Susteren su Fox News, in cui afferma:

"Hillary Clinton ha già descritto un incontro alla Casa Bianca due anni fa. Ogni membro della squadra di sicurezza nazionale ha raccomandato di armare l’Emirato Islamico. Solo il presidente s’è opposto e decise di non bombardare la Siria dopo che aver detto che aveva attraversato la linea"

Presentiamo l’estratto di un’intervista a John McCain nello Show di Sean Hannity, sempre su Fox News, del 16 settembre 2014 in cui si oppone al piano del presidente Obama contro l’Emirato islamico. I suoi contenuti chiudono il discorso con il senatore stesso che ammette di conoscere i capi dell’Emirato islamico.

All’inizio dell’intervista critica un articolo sulla precarietà del cessate il fuoco tra gruppi gruppi "moderati" ed "estremisti". Poi afferma di conoscere la situazione sul terreno e, riferendosi alla sua esperienza in Vietnam, sostiene l’idea di aiutare tutti i "ribelli" nel rovesciare la Repubblica araba siriana. Per farlo sembra aver incontrato i capi del Daash (a differenza di Rand Paul) e di tenersi in contatto con loro.

Entrambe le interviste sono state registrate dopo l’attacco all’Iraq dell’Emirato Islamico, la pulizia etnica e i massacri che l’hanno accompagnato, ma prima della decapitazione di cittadini statunitensi.

Traduzione
Alessandro Lattanzio
(Sito Aurora)

[1] “John McCain, maestro concertatore della "primavera araba", e il Califfo”, di Thierry Meyssan, Traduzione Luisa Martini, Megachip (Italia), Rete Voltaire, 18 agosto 2014.