Rete Voltaire

Syriza intende usare il Trattato di Lisbona contro la BCE

+

Mentre il popolo greco ha rifiutato con il 61,31% il piano della Troika per salvare l’economia greca e il possibile taglio delle liquidità da parte della Banca Centrale Europea, una fazione importante di Syriza esamina la possibilità di ricorrere alle disposizioni di emergenza del Trattato di Lisbona.

Domani, martedì 7 luglio 2015, il negoziatore greco dovrebbe invitare i colleghi europei a rispettare il Trattato di Lisbona, il quale vieta alla BCE di tagliare le liquidità. In caso di rifiuto, il governo greco potrebbe dichiarare lo stato di emergenza, confiscare la Banca Centrale di Grecia ed stampare, il Governo stesso, degli euro (disponendo di macchinari per stampare tagli da 20€). Allo stesso tempo, il governo greco si ritorcerebbe contro il presidente della BCE, Mario Draghi, per non aver fornito alla Grecia i mezzi per la propria stabilità [1].

Traduzione
Federico Vasapolli

[1] “SYRIZA Forces Demand “Requisitioning” of Greek Central Bank”, by Webster G. Tarpley, Voltaire Network, 6 July 2015.

Rete Voltaire

Voltaire, edizione internazionale

L’articolo è su licenza Creative Commons

Potete riprodurre liberamente gli articoli del Réseau Voltaire a condizione di citare la fonte, di non modificarli e di non usarli a scopi di lucro (licenza CC BY-NC-ND).

Sostenere Rete Voltaire

Visitate il sito dove troverete analisi approfondite che vi aiuteranno a comprendere la realtà. Per continuare questo lavoro, abbiamo bisogno della vostra participazione.
Aiutateci con un contributo.

Come partecipare alla Rete Voltaire?

Gli animatori del Réseau sono tutti volontari.
- Traduttori professionali: potete partecipare alla traduzione degli articoli.