Rete Voltaire

Siria: una intervista con Thierry Meyssan

La guerra per procura contro la Siria dura da così tanto tempo che è facile dimenticarne inizio e mandanti. Quali legami collegano fra loro gli attori di questa tragedia ancora senza una fine? Abbiamo posto alcune domande a Thierry Meyssan, fondatore della Rete Voltaire e profondo conoscitore del Medio Oriente. In particolare, gli abbiamo chiesto riguardo il ruolo della Turchia e le responsabilità del suo Presidente, Recep Erdogan, nel bagno di sangue contro Damasco.

| Mosca (Russia)
+
JPEG - 45.3 Kb

Costantino Ceoldo - Pravda : Signor Meyssan, potrebbe ricordare ai lettori come è iniziata la crisi siriana e soprattutto perché?

Thierry Meyssan : Ci sono due storie completamente diverse che spiegano gli eventi in Siria. Secondo i membri NATO, una manifestazione a Dar’a nel 2011 è stata a malapena repressa e lo spirito della "primavera araba" si è diffuso nel Paese. Ma un’altra versione tiene conto del contesto. Secondo questa seconda versione, il Congresso [Americano] votò la guerra contro la Siria nel 2003 (Syria Accountability Act), Colin Powell cercò di imporre la "democratizzazione stile Stati Uniti" nel 2004 (vertice di Tunisi della Lega Araba), gli Stati Uniti e Israele uccisero l’ex primo ministro libanese Rafic Hariri nel 2005 ed accusarono i presidenti Lahoud e El-Assad di aver organizzato il crimine (Commissione Mehlis delle Nazioni Unite, Tribunale speciale per il Libano), Israele attaccò Hezbollah nel 2006 nella speranza di poter continuare in Siria, CIA organizzò un partito comune tra l’ala destra dell’opposizione siriana e i Fratelli musulmani nel 2007 (Fronte di salvezza), ecc. Alla fine, organizzarono la manifestazione Dar’a nello stesso modo in cui fecero il Maidan 1 in Ucraina. Parlando di questa dimostrazione a Dar’a, Al-Jazeera testimoniò che dei giovani ragazzi furono torturati dalla polizia. Ma questo fatto non è stato provato. Mai, assolutamente.

Pravda : Le petromonarchie del Golfo e la stessa Giordania sono pesantemente coinvolte nella tragedia siriana ma la Turchia di Recep Erdogan ne è l’attore principale. Che cosa è stato promesso al presidente Erdogan per convincerlo ad intraprendere questa tragica avventura?

Thierry Meyssan : Il presidente Erdogan è stato, nel corso di un decennio, un politico moderato. In realtà, il suo Paese è stato governato dall’ambasciatore degli Stati Uniti. Ma nel 2011 è stato firmato con la Francia un trattato segreto. Secondo questo documento, la Turchia si sarebbe impegnata nella guerra contro la Libia e anche nella successiva guerra contro la Siria. La Francia si impegnò ad aiutare la Turchia a risolvere la sua "questione curda” con la creazione di un nuovo Stato per i curdi, fuori dal territorio turco. Si noti che questa idea di creare un cosiddetto Kurdistan in Iraq e in Siria e di espellere i curdi dalla Turchia in questo nuovo Stato, è stata adottata in seguito dagli Stati Uniti. Secondo una mappa pubblicata nel settembre 2013 dal New York Times, due Stati avrebbero dovuto essere create in Iraq e in Siria: Kurdistan e Sunnistan. Il Sunnistan è stato poi creato da Daesh. L’idea di espellere i curdi è un crimine contro l’Umanità. Ma secondo il presidente Erdogan, i veri turchi non possono essere curdi o cristiani.

Pravda : Sembra che il presidente turco si aspetti davvero il rispetto dei patti dalla sua controparte occidentale. Ma allora chi è Erdogan? Un politico scaltro, un compare sacrificabile in qualsiasi momento o un mediocre giocatore di poker seduto ad un tavolo di bari?

Thierry Meyssan : All’inizio, Erdogan era un gangster nelle strade di Istanbul. Più tardi entrò nel Milli Görüs, un piccolo gruppo estremista che voleva ripristinare il califfato turco. Nel 1999, è stato arrestato e incarcerato per avere incitato un colpo di stato, come Hitler nel 1923. In seguito, disse di aver chiuso con il Milli Görüs e essere diventato un democratico. Ha fondato l’AKP e, con l’aiuto degli Stati Uniti è stato eletto Primo Ministro. Dopo l’inizio della primavera araba - intendo l’inizio delle operazioni della CIA per distruggere i governi arabi laici e mettere al potere la fratellanza musulmana - ha deciso di governare da solo. Ora è un dittatore vecchio stile: ha costruito un gigantesco palazzo, ha chiuso i media dell’opposizione, il suo partito ha distrutto gli edifici dei partiti di opposizione ed ha riavviato la guerra civile contro i curdi. Secondo lui, ha neutralizzato 5000 curdi nel corso degli ultimi mesi.

Pravda : La guerra in Siria è anche un “affare di famiglia” per gli Erdogan?

Thierry Meyssan : Dall’inizio della guerra in Siria, i servizi segreti turchi (MIT) hanno organizzato il saccheggio del nord della Siria. Hanno rubato tutte le macchine utensili ad Aleppo, la capitale industriale del paese. Ma con Daesh, la Famiglia Erdogan è diventato il profittatore principale di questo sistema. Ho scritto, subito dopo la proclamazione del Califfato, che Bilal Erdogan, figlio del leader turco, era il capo del traffico petrolifero internazionale per Daesh. I fatti sono stati verificato molto tempo dopo dai servizi segreti russi e presentati al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite.

Pravda : Fino a che punto la Turchia è disposta a spingersi nel suo confronto con la Russia?

Thierry Meyssan : La Turchia ha un grande e buon esercito. In realtà è il secondo esercito per numero nella NATO. Ma i militari turchi non si oppongono alla Russia e non stanno sostenendo le idee Milli Görüs del presidente Erdogan.

Pravda : Quale sarà il futuro di Erdogan in caso di una, soprattutto plateale, sconfitta?

Thierry Meyssan : In questo momento vi è un accordo tra Mosca e Washington per salvare il popolo turco da questo dittatore che ha truccato le elezioni. Ma è difficile farlo a meno di aprire una nuova guerra regionale. È per questo che, ora, Stati Uniti e Russia sono entrambi impegnati a fornire armi ai curdi contro Erdogan. Allo stesso tempo, Mosca sta preparando una grande file contro Erdogan come persona e contro la Turchia come Stato. L’ambasciatore Churkin ha già dato due rapporti dei servizi segreti russi al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite. Il primo ha a che fare con i rapporti tra le istituzioni turche e jihadisti. Il secondo è molto più aggressivo: ha a che fare con la responsabilità turco all’interno di Al-Qaeda e Daesh.

Pravda : La Siria ha resistito quasi 5 anni all’aggressione delle milizie islamiste. Poi circa sei mesi fa l’intervento di Mosca. In che condizione si trovava l’esercito siriano quando è iniziato l’intervento russo?

Thierry Meyssan : L’esercito siriano era esausto. A causa delle sanzioni, non riceveva nuove armi e munizioni dal 2005. Ma i jihadisti sono sostenuti dalla NATO, dai paesi del Golfo e dalla Turchia. Hanno ricevuto le armi migliori, munizioni quotidianamente e la cosa più importante: immagini satelliti riguardo l’esercito arabo siriano. Questa guerra è stata così brutale che l’esercito siriano ha avuto molto più perdite che a causa di Israele. L’arrivo della Russia è stato deciso nel 2012, ma l’esercito russo è arrivato solo alla fine del 2015. Nel corso di 3 anni, i russi hanno preparato nuove armi incredibili. Quando sono arrivati, prima che fosse ufficiale, hanno fornito armi moderne ai siriani. In questo momento quello arabo siriano è di nuovo un grande esercito ed è in grado di affrontare i jihadisti. Negli ultimi anni è stato solo sulla difensiva, cercando di proteggere i cittadini. Ora si tratta di un esercito offensivo, che cerca di liberare la propria terra.

Pravda : E adesso?

Thierry Meyssan : Questa guerra continuerà fino a quando non si fermerà l’arrivo di nuovi jihadisti. Si possono uccidere ma i rinforzi arrivano ogni giorno attraverso la Turchia.

Pravda : Quali prospettive sulla fine della guerra secondo Lei?

Thierry Meyssan : Non credo che i negoziati di Ginevra produrranno una soluzione. Perché la "delegazione dell’opposizione" a Ginevra, è composto solo da persone scelte da Stati esteri senza alcun sostegno all’interno della Nazione. Sperano di essere ministri, come Chalabi ed altri divennero ministri in Iraq, nei portafogli delle forze Usa. Ma la guerra in Siria non è una rivoluzione, si tratta di una guerra contro due modelli di società nel Medio Oriente. Più dell’80 per cento dei combattenti sono stranieri. Ma hanno ricevuto il sostegno di una parte molto piccola della popolazione, circa il 5 per cento dei siriani. Quando gli Stati Uniti hanno creato il movimento jihadista, nel 1978, non hanno mai pensato che sarebbe diventato così grande e che sarebbe stato supportato dai musulmani. Ciò che è nuovo è che i leader jihadisti –finanziati dall’Arabia Saudita- avevano, ciascuno di loro, 3 donne e più di 15 bambini. Ora sono supportati da persone che sono contro il controllo della fecondità e il moderno stile di vita. E’ molto strano vedere questa lotta in Siria, un Paese che ha sancito il diritto di voto e l’uguaglianza totale per le donne, allo stesso tempo che i russi, 25 anni prima degli occidentali europei.

Fonte
Pravda.ru (Russia)

Rete Voltaire

Voltaire, edizione internazionale

L’articolo è su licenza Creative Commons

Potete riprodurre liberamente gli articoli del Réseau Voltaire a condizione di citare la fonte, di non modificarli e di non usarli a scopi di lucro (licenza CC BY-NC-ND).

Sostenere Rete Voltaire

Visitate il sito dove troverete analisi approfondite che vi aiuteranno a comprendere la realtà. Per continuare questo lavoro, abbiamo bisogno della vostra participazione.
Aiutateci con un contributo.

Come partecipare alla Rete Voltaire?

Gli animatori del Réseau sono tutti volontari.
- Traduttori professionali: potete partecipare alla traduzione degli articoli.