Rete Voltaire
Documento

La Commissione elettorale presidenziale egiziana cede al ricatto dei Fratelli Mussulmani

| Il Cairo (Egitto)
+

20 giugno 2012

JPEG - 55 Kb

Repubblica araba d’Egitto
Commissione elettorale presidenziale
Segretariato generale

In nome di Dio il Misericordioso

A Sua Eccellenza il maresciallo Mohammed Hussein Tantawi, capo del Consiglio supremo delle forze armate

Saluti.

Diamo riscontro per iscritto alla richiesta di risposta verbale, rivolta ai consiglieri, al direttore, ai membri e al segretario della Commissione elettorale presidenziale, che abbiamo ricevuto ieri, mercoledì 30 giugno 2012, dal generale Mamdouh Shahin, vice ministro alla Difesa, incaricato degli Affari giuridici e costituzionali, nonché membro del Consiglio supremo delle forze armate.

Il Comitato ritiene importante informare Sua Eccellenza di quanto segue:

1. A causa del generalizzarsi delle manifestazioni popolari non è possibile rinviare a tempo indeterminato l’annuncio dei risultati dell’elezione presidenziale. Perciò noi tutti, direttore e membri della Commissione elettorale presidenziale, reputiamo necessario che, al fine di scongiurare le conseguenze sanguinose che la proclamazione del generale Ahmed Shafiq comporterebbe, venga esercitato il diritto di prendere una decisione utile al Paese e ai cittadini, anche se in violazione della legge, e confermare presidente dell’Egitto il dottor Mohamed Morsi.

2. Inoltre, noi tutti, direttore e membri della Commissione elettorale, denunciamo le pressioni di ogni genere ricevute sia dall’interno sia dall’esterno, e affermiamo che sarebbe necessario rivelare all’opinione pubblica egiziana e internazionale i brogli, le manipolazioni e le falsificazioni che hanno inficiato il processo elettorale nel suo insieme.

Ancora, noi tutti, direttore e membri della Commissione elettorale presidenziale, denunciamo le minacce di morte ricevute, riguardanti le nostre persone e le nostre famiglie.

Menzioniamo il punto 2 affinché Sua Eccellenza ne tenga conto, qualora respingesse la proposta esposta al punto 1.

Il segretario della Commissione elettorale presidenziale
Hatem Bagato

Traduzione
Rachele Marmetti
Giornale di bordo

Rete Voltaire

Voltaire, edizione internazionale

L’articolo è su licenza Creative Commons

Potete riprodurre liberamente gli articoli del Réseau Voltaire a condizione di citare la fonte, di non modificarli e di non usarli a scopi di lucro (licenza CC BY-NC-ND).

Sostenere Rete Voltaire

Visitate il sito dove troverete analisi approfondite che vi aiuteranno a comprendere la realtà. Per continuare questo lavoro, abbiamo bisogno della vostra participazione.
Aiutateci con un contributo.

Come partecipare alla Rete Voltaire?

Gli animatori del Réseau sono tutti volontari.
- Traduttori professionali: potete partecipare alla traduzione degli articoli.

La Francia nell'ingranaggio
“Sotto i nostri occhi” (10/25)
La Francia nell’ingranaggio
di Thierry Meyssan
La Francia manipolata
“Sotto i nostri occhi” (9/25)
La Francia manipolata
di Thierry Meyssan
L'uso militare nascosto della tecnologia 5G
L’uso militare nascosto della tecnologia 5G
di Manlio Dinucci, Rete Voltaire
 
 Summit Nato, si rafforza il partito della guerra
Summit Nato, si rafforza il partito della guerra
di Manlio Dinucci, Rete Voltaire
 
Il Summit lancia la Nato nello spazio, costi alle stelle
Il Summit lancia la Nato nello spazio, costi alle stelle
di Manlio Dinucci, Rete Voltaire
 
Multilateralismo o Diritto Internazionale?
Multilateralismo o Diritto Internazionale?
di Thierry Meyssan, Rete Voltaire
 
L'agonia della politica estera francese
“Sotto i nostri occhi” (8/25)
L’agonia della politica estera francese
di Thierry Meyssan, Rete Voltaire
 
L'Italia in prima linea nella «guerra dei droni»
Atterra a Sigonella il primo drone Nato
L’Italia in prima linea nella «guerra dei droni»
di Manlio Dinucci, Rete Voltaire