In occasione del discorso pronunciato il 30 maggio 2016 per il 20° anniversario della Fondazione per la Gioventù e l’Educazione, Türgev, il presidente Recep Tayyip Erdoğan, sottolineando l’importante ruolo svolto dall’organizzazione nell’educazione dei giovani di fronte al terrorismo, ha esortato i concittadini ad aderirvi. Ma soprattutto il presidente ha ingiunto ai compatrioti di fare bambini per dare impulso alla Turchia.

«Lo affermo chiaramente (…) La nostra discendenza deve essere incrementata (…) Ci parlano di contraccezione, di pianificazione familiare. Una famiglia mussulmana non può avere una simile mentalità (…) Dobbiamo andare nella direzione che Dio e il nostro caro profeta ci hanno indicato (…) E in tale ambito, il primo dovere spetta alle madri», ha affermato Recep Tayyip Erdoğan.

Erdoğan, per il quale i veri turchi appartengono alla razza turco-mongola e sono mussulmani sunniti, ha qualificato la contraccezione di «tradimento».

In occasione della Festa della donna dell’8 marzo scorso, il presidente ha dichiarato che «le donne sono innanzitutto madri».

Dal 2003, ossia da quando Erdoğan è al potere, la popolazione turca è aumentata da 67,8 a 78,7 milioni di abitanti.

Traduzione
Rachele Marmetti
Giornale di bordo