La portaerei Ammiraglio Kuznetsov è arrivata al largo della Siria, dove era attesa da oltre tre mesi. Dopo il posizionamento della portaerei, è iniziata un’azione congiunta di bombardamenti da parte della flotta e della base aerea di Hmeimim.

La flotta ha tirato numerosi missili di media portata Kalibr, mentre i bombardieri sono entrati contemporaneamente in azione nelle province d’Idleb, di Homs e d’Aleppo. Obiettivi principali sono gli arsenali, le industrie di armamenti e i laboratori di gas tossici.

Da una settimana la Repubblica araba siriana invia SMS ai telefoni collegati nelle zone dove si trovano i bersagli, ingiungendo a quanti abitano in prossimità di sfollare immediatamente.

Farmaci e materiale medico idoneo sono stati distribuiti agli ospedali per consentire di soccorrere le persone colpite dagli effetti collaterali dei bombardamenti mirati.

Traduzione
Rachele Marmetti
Giornale di bordo