L’Esercito arabo siriano (ossia l’esercito della Repubblica) è arrivato alla frontiera siriano-irachena.

Negli ultimi due mesi le Forze della Coalizione USA hanno bombardato per tre volte milizie o militari fedeli a Damasco, probabilmente per tagliare la via della seta e impedire la congiunzione degli eserciti siriano e iracheno.

Il ripristino del collegamento terrestre Damasco-Bagdad segnerebbe il fallimento della missione assegnata a inizio 2014 dall’amministrazione Obama a Daesh [1].

Il portavoce del Pentagono, Jeff Davis, ha ringraziato la Russia per «l’azione stabilizzatrice» svolta nella zona.

Traduzione
Rachele Marmetti
Giornale di bordo

[1] «Rivelazioni del PKK sull’EIIL e la creazione del “Kurdistan”», Rete Voltaire, 10 luglio 2014, traduzione di Alessandro Lattanzio.