Secondo uno studio della Brown University, le guerre ufficiali intraprese da Washington dall’11 settembre 2001 sono costate agli statunitensi 5.600 miliardi di dollari, ossia 23.386 dollari a contribuente. Un costo oltre tre volte quello ammesso dal Pentagono.

Lo studio riguarda solo le guerre dichiarate a Iraq, Siria, Afganistan e Pakistan. Non tiene conto delle spese legate alle guerre appaltate, come quelle d’Israele contro il Libano e di Regno Unito e Francia contro la Libia [1].

Traduzione
Rachele Marmetti
Giornale di bordo