Rete Voltaire

Israele difende l’occupazione illegale del Golan

+

Il 6 febbraio 2018 Israele ha bombardato un centro di ricerca militare siriano a Jamaraya, vicino Damasco [1]. L’esercito israeliano ha giustificato l’operazione proclamandola mirata a distruggere un centro di ricerca sulle armi chimiche. La motivazione retorica d’Israele è stata respinta dal segretario alla Difesa degli Stati Uniti, generale Jim Mattis, che l’8 febbraio scorso ha dichiarato a un giornalista di Newsweek che non esiste alcuna prova dell’utilizzo di armi chimiche da parte della Siria [2]. In realtà, il centro di Jamaraya ospitava tecnici iraniani che stavano adattando metodi di guida di precisione di missili a lungo raggio.

L’esercito israeliano teme che l’Iran aiuti i siriani a recuperare il Golan che, secondo il diritto internazionale, occupa illegalmente. Quantomeno questo è quel che si è potuto dedurre dalla mappa pubblicata la sera dell’11 febbraio dall’esercito israeliano, poi ritirata dallo Tsahal, dove il Golan è segnato come «territorio conteso» e non come parte integrante d’Israele.

L’Iran avrebbe fatto sorvolare il Golan occupato da un drone paragonabile a un RQ-170 Sentinel americano, fatto partire dalla sua base di Palmira. Lo Tsahal l’avrebbe abbattuto e avrebbe lanciato una vasta operazione, allo scopo di distruggere sette siti iraniani in Siria. Un F-16 israeliano è stato abbattuto dalla Siria.

Traduzione
Rachele Marmetti
Giornale di bordo

[1] «Iran e Israele si lanciano segnali nel Golan occupato», Rete Voltaire, 8 février 2018.

[2] “Mattis Admits There Was No Evidence Assad Used Poison Gas on His People”, Ian Wilkie, Newsweek, February 8, 2018.

Rete Voltaire

Voltaire, edizione internazionale

L’articolo è su licenza Creative Commons

Potete riprodurre liberamente gli articoli del Réseau Voltaire a condizione di citare la fonte, di non modificarli e di non usarli a scopi di lucro (licenza CC BY-NC-ND).

Sostenere Rete Voltaire

Visitate il sito dove troverete analisi approfondite che vi aiuteranno a comprendere la realtà. Per continuare questo lavoro, abbiamo bisogno della vostra participazione.
Aiutateci con un contributo.

Come partecipare alla Rete Voltaire?

Gli animatori del Réseau sono tutti volontari.
- Traduttori professionali: potete partecipare alla traduzione degli articoli.

La Francia nell'ingranaggio
“Sotto i nostri occhi” (10/25)
La Francia nell’ingranaggio
di Thierry Meyssan
La Francia manipolata
“Sotto i nostri occhi” (9/25)
La Francia manipolata
di Thierry Meyssan
L'uso militare nascosto della tecnologia 5G
L’uso militare nascosto della tecnologia 5G
di Manlio Dinucci, Rete Voltaire
 
 Summit Nato, si rafforza il partito della guerra
Summit Nato, si rafforza il partito della guerra
di Manlio Dinucci, Rete Voltaire
 
Il Summit lancia la Nato nello spazio, costi alle stelle
Il Summit lancia la Nato nello spazio, costi alle stelle
di Manlio Dinucci, Rete Voltaire
 
Multilateralismo o Diritto Internazionale?
Multilateralismo o Diritto Internazionale?
di Thierry Meyssan, Rete Voltaire
 
L'agonia della politica estera francese
“Sotto i nostri occhi” (8/25)
L’agonia della politica estera francese
di Thierry Meyssan, Rete Voltaire
 
L'Italia in prima linea nella «guerra dei droni»
Atterra a Sigonella il primo drone Nato
L’Italia in prima linea nella «guerra dei droni»
di Manlio Dinucci, Rete Voltaire